Ipercolesterolemia familiare omozigote Position paper dell’EAS

Il documento realizzato da un panel di esperti dell’European Atherosclerosis Society, è stato pubblicato lo scorso giugno e illustra le strategie volte a migliorare la diagnosi e l’approccio terapeutico dell’ipercolesterolemia familiare omozigote, patologia rara, ma dalla prognosi infausta. In genere i pazienti non sopravvivono oltre i 30 anni di età. 2014_FH_EAS

(continua)

Questo contenuto è riservato agli utenti registrati, vi preghiamo di inserire nome utente e password.

Login utenti registrati
   
Nuovo utente
*Indicare l'accettazione delle condizioni di servizio TOS
*Campo obbligatorio