MRGE, anche in Italia una tecnica mininvasiva

MRGE: un’innovativa tecnica mininvasiva è stata sperimentata anche nel nostro Paese. Pier Alberto Testoni, direttore di Gastroenterologia ed endoscopia digestiva del San Raffaele di Milano ha portato a termine tre procedure MUSE.
Il MUSE, acronimo di Medigus Ultrasonic Surgical Endostapler (ovvero suturatrice meccanica a ultrasuoni per chirurgia interna di Medigus), permette di trattare la malattia da reflusso gastroesofageo con una procedura priva di incisioni. In seguito al trattamento, avvenuto in febbraio scorso, tutti e tre i pazienti hanno riportato una riduzione dei sintomi da reflusso, una riduzione o eliminazione dell’uso di farmaci antireflusso e l’assenza di dolore o disturbi successivi al trattamento.
I pazienti sono stati dimessi dall’ospedale circa 2 giorni dopo il completamento della procedura, senza complicazioni. Rispetto al tradizionale metodo laparoscopico, MUSE offre benefici tra cui per esempio, ridotta durata di esecuzione (circa 1 ora), trattamento eseguibile da un unico medico, assenza di incisioni e quindi maggiore confort durante il trattamento, e infine riduzione della durata del ricovero.

MUSE (Medigus) è approvato dallo FDA e riporta il marchio CE per il trattamento della MRGE; attualmente è in corso di introduzione in Europa e negli Stati Uniti.