Formazione on line all’avanguardia con il programma Medtronic Impact

Medtronic Impact è un nuovo programma di formazione rivolto a medici e personale sanitario lanciato da Medtronic, uno dei maggiori produttori di dispositivi e tecnologie per la medicina a livello globale.

Il programma è rivolto agli operatori sanitari di tutte le discipline e specialità in Italia, negli altri paesi europei e in Medio Oriente & Africa (EMEA), con l’obiettivo ambizioso di coinvolgere oltre 500.000 operatori sanitari nell’arco di 5 anni a partire dal 2017.

Medtronic Impact prevede la realizzazione di percorsi formativi in più fasi, studiati in base al diverso grado di preparazione e specializzazione degli utenti. Il programma utilizza tecnologie innovative nella formazione on line come aule virtuali e realtà aumentata per realizzare training online e sessioni face to face. Un portale web consentirà ai singoli operatori sanitari di accedere a percorsi individuali.

“Il programma Impact rappresenta un investimento importante e stabilisce uno standard assolutamente nuovo per la crescita professionale nel settore sanitario” – ha dichiarato Rob ten Hoedt, Presidente EMEA di Medtronic – “Questa nuova e ampia offerta formativa consentirà agli operatori sanitari di accrescere le proprie competenze non solo in ambito clinico ma anche su percorsi che possano sviluppare una sanità basata sul valore”.

“La collaborazione tra la comunità scientifica e l’industria – aggiunge Michele Perrino, amministratore delegato di Medtronic Italia – favorisce l’innovazione medico-scientifica. Per questo motivo sosteniamo il programma Medtronic Impact anche in Italia; vogliamo contribuire ad un miglior percorso di cura del paziente, con migliori benefici clinici ad un costo accessibile e sostenibile per il sistema sanitario.”

Medtronic Impact prevede anche una rete di collaborazioni con centri d’eccellenza a livello internazionale che, per il momento, riguardano il Campus di Barcellona, l’IRCAD (Research Institute against Digestive Cancer) di Strasburgo, il Laboratorio Sunskill dell’Università di Stellenbosch in Sudafrica e la Facoltà di Medicina dell’Università di Dundee in Scozia.