Inibitori della pompa protonica, i rischi della terapia a lungo termine

Nuovi dati sulla pericolosità di una terapia a lungo termine con inibitori della pompa protonica (PPI) vengono da uno studio americano pubblicato sul British Medical Journal. Ziyad Al-Aly e coll. delle Università di Washington e St. Louis, Missouri hanno esaminato le cartelle cliniche 275.000 pazienti in terapia con PPI e di quasi 75.000 pazienti  che hanno preso H2 antagonisti tra il 2006 e il 2008

(continua)

Questo contenuto è riservato agli utenti registrati, vi preghiamo di inserire nome utente e password.

Login utenti registrati
   
Nuovo utente
*Indicare l'accettazione delle condizioni di servizio TOS
*Campo obbligatorio