Menopausa, se si sospende la TOS aumenta il rischio cardiovascolare

Uno studio pubblicato sulla rivista Menopause mostra che il rischio di morte per cause cardiovascolari e  ictus aumenta nel primo anno dopo la sospensione della terapia ormonale (TOS) nelle donne con meno di sessant’anni.

Esistono dati concordanti sui benefici per il sistema vascolare della terapia estrogenica e sull’abbassamento di rischio di stroke ed eventi CV. Proprio questo dato ha generato la necessità di verificare le conseguenza di una interruzione della TOS.

Studi precedenti hanno già dimostrato che l’interruzione della TOS basata sull’estradiolo ha determinato un aumento significativo del rischio di morte cardiaca e ictus, in particolare durante il primo anno. Questi risultati sono stati sottoposti a verifica perché le donne con problemi cardiaci documentati non erano state escluse dallo studio.

I ricercatori hanno analizzato il rischio di morte per cause cardiache (n = 5,204) e cerebrovascolari (n = 3,434) nelle donne finlandesi che hanno interrotto l’HRT nel periodo 1994-2013 (n = 432.775). I rischi sono stati confrontati con quelli della popolazione femminile e con quelli delle donne in terapia ormonale aggiustati per età. Sono state escluse le donne con diagnosi di eventi cardiaci o cerebrovascolari entro un anno prima della sospensione della TOS (n = 8.711).

I risultati del nuovo studio hanno mostrato che la sospensione della TOS è stata associata ad un aumento del rischio di morte cardiaca durante il primo anno di post-trattamento, in particolare nelle donne di età inferiore ai 60 anni (dopo meno di 5 anni di trattamento il rischio di morte standardizzato [SMR] era  1.52, IC 95% 1.13-2.00; dopo più di 5 anni di trattamento, SMR 2.08, IC 95%  1.44-2.90) a confronto con la popolazione femminile della stessa età. Aumentato anche il rischio di morte a causa di stroke (dopo meno di 5 anni di trattamento, SMR 2.62, IC 95% 2.07-3.28; dopo più di 5 anni di trattamento, SMR 3.22, IC 95% 2.29-4.40).

Se paragonato alla popolazione delle donne in terapia TOS  l’aumento dei rischi di morte cardiaca e per ictus era ancora maggiore. L’aumento del rischio di mortalità  sono è limitato al primo anno post-TOS perché gli aumenti dei rischi sono scomparsi o sono diminuiti sensibilmente quando il tempo di follow-up è stato esteso per più di un anno. Nessun rischio aumentato è stato osservato nelle donne over 60 anni al momento della sospensione.

Articoli collegati