skip to Main Content
ipertensione

Ipertensione, alcuni calcioantagonisti potrebbero aumentare il rischio di tumore

Uno studio presentato all’ultima edizione del Congresso Annuale dell’AACR (American Association Cancer Research) ha trovato un’associazione tra terapia antiipertensiva con calcio-antagonisti a breve durata d’azione e un aumentato rischio di cancro al pancreas nelle donne in postmenopausa.

Lo studio è stato impostato per valutare l’effetto dei farmaci antiipertensivi su sRAGE (recettore solubile per il prodotto finale di glicazione avanzata), un recettore con effetto antinfiammatorio associato a un minor rischio di cancro al pancreas. Poiché i farmaci antiipertensivi hanno dimostrato di aumentare la concentrazione dei livelli di sRAGE, i ricercatori hanno ipotizzato che ci sarebbe stata un’associazione inversa tra l’uso di questi farmaci e il rischio di tumore.

Gli autori hanno condotto uno studio prospettico di coorte su 145.551 donne in età post-menopausa di età compresa tra 50 e 79 anni che sono state arruolate nel Women’s Health Initiative, uno studio a lungo termine sulla popolazione femminile americana, tra il 1993 e il 1998.

Sono stati considerati quattro tipi di farmaci antiipertensivi: beta bloccanti, diuretici, inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACEi) e calcio bloccanti (CCB). Utilizzando modelli di regressione proporzionale di rischio di Cox sono stati calcolati i rapporti tra i quattro tipi di farmaci e il rischio di cancro al pancreas. “Siamo stati sorpresi dall’inaspettato aumento del rischio di cancro al pancreas osservato tra le utilizzatrici di CCB a breve durata d’azione”, ha detto Zhensheng Wang, del Baylor College of Medicine di Houston (USA).

I ricercatori hanno misurato i livelli sierici di sRAGE usando immunodosaggio tra un sottogruppo di 489 pazienti con cancro al pancreas e 977 controlli non tumorali. Hanno scoperto che tra le donne che avevano usato almeno una volta un CCB a breve durata d’azione è stato riscontrato un rischio maggiore del 66% di cancro al pancreas. Nelle donne che avevano usato CCB a breve durata d’ zione per tre o più anni è stato riscontrato un rischio del cancro al pancreas del 107% più elevato rispetto a quelle che avevano usato altri farmaci antiipertensivi. L’uso regolare di ACEinibitori, beta-bloccanti, diuretici e CCB a lunga durata d’azione non è stato associato a un aumento del rischio di cancro al pancreas.

Lo studio ha anche scoperto che le donne che avevano usato CCB a breve durata d’azione avevano livelli di sRAGE significativamente più bassi rispetto alle donne che usavano altri farmaci anti-ipertensivi.
Gli autori hanno osservato che ulteriori ricerche sono necessarie per confermare questi risultati e comprendere meglio il rapporto tra ipertensione e stato infiammatorio, come fattore predisponente al tumore.

“I nostri risultati sull’uso di CCB a breve durata d’azione e sul rischio di cancro al pancreas sono nuovi e potenzialmente significativi per la salute pubblica, se confermati. – ha detto Wang – I CCB a breve durata d’azione sono ancora prescritti per gestire l’ipertensione, che è uno dei componenti della sindrome metabolica, e la sindrome metabolica è un possibile fattore di rischio per il cancro del pancreas “.

Gli autori hanno precisato che questo studio osservazionale ha incluso solo donne in postmenopausa negli Stati Uniti e i risultati potrebbero non essere generalizzabili per gli uomini, per le donne in premenopausa o per le popolazioni al di fuori degli Stati Uniti.

Ultima revisione: 7 Maggio 2018 – Pierpaolo Benini

Alessandro Visca

Giornalista professionista specializzato in editoria medico­­­­-scientifica, editor, formatore.