Accordo SIMG-AIMF per la formazione sui rischi dall’esposizione alle radiazioni

, ECM, in arrivo sanzioni per i medici che non sono in regola con i crediti

, ECM, in arrivo sanzioni per i medici che non sono in regola con i creditiL’Associazione Italiana di Fisica Medica (AIFM) e Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (SIMG) hanno siglato  un accordo di collaborazione per fornire ai Medici di Medicina Generale gli strumenti necessari per  leggere e comprendere i dati correlati all’esposizione radiologica che, a seguito dell’entrata in vigore della Direttiva Europea 2013/59/EURATOM, saranno inseriti all’interno dei referti medici di esami e terapie che utilizzano radiazioni ionizzanti.

La nuova normativa prevede, tra l’altro, che il MMG dovrà fornire al paziente che le richieda tutte le spiegazioni relative alla protezione contro i pericoli derivanti dall’esposizione alle radiazioni ionizzanti. L’accordo tra le due società scientifiche ha l’obiettivo di formare e informare i medici e, a seguire, i pazienti. L’impegno  si realizzerà attraverso  la pubblicazione sulla rivista ufficiale della SIMG di articoli divulgativi scritti dai fisici medici dell’AIFM in collaborazione con le altre società scientifiche mediche di area radiologica che vorranno essere coinvolte nel progetto, la partecipazione attiva di AIFM al Congresso Nazionale SIMG che si terrà a fine novembre a Firenze e la presenza dell’AIFM ad almeno due Congressi Regionali SIMG.

Le due società inoltre realizzeranno materiale informativo da lasciare negli studi dei medici di base a disposizione di coloro che vorranno comprendere meglio i loro referti medici riguardanti esami e terapie in cui sono previste esposizioni a radiazioni ionizzanti.

“Le informazioni relative alle esposizioni a radiazioni impiegate durante gli esami che verranno inserite all’interno dei referti medici porteranno i medici di Medicina Generale a dover rispondere a nuove domande – spiega Michele Stasi, presidente dell’AIFM – Auspichiamo che quello che stiamo intraprendendo sia solo l’inizio di un coinvolgimento più ampio di tutta l’area radiologica medica. Insieme, vogliamo poterci impegnare per garantire informazioni sempre più accurate su un tema come quello delle radiazioni che è spesso fonte di false preoccupazioni”.

“Questo accordo di collaborazione consente ai Medici di affrontare alcuni temi che diventeranno di fondamentale importanza per la presa incarico del paziente che effettua indagini radiologiche o di medicina nucleare introdotte dalla normativa europea – ribadisce Claudio Cricelli, presidente della SIMG – L’intesa con l’Associazione Italiana di Fisica Medica consente di condividere aree tematiche raramente affrontate dopo la conclusione del Corso di Laurea arricchendo in maniera innovativa le conoscenze e le competenze dei Medici di Medicina Generale.”.

Giornalista professionista specializzato in editoria medico-scientifica, editor, formatore.

    Articoli collegati