Allergie alimentari, le sconfiggeremo aiutando il microbiota intestinale

, Devi operarti al ginocchio? Controlla prima la salute del tuo intestino

, Devi operarti al ginocchio? Controlla prima la salute del tuo intestinoDiverse ricerche hanno portato all’ipotesi che la composizione del microbiota intestinale, (ossia la flora batterica che popola l’intestino), giochi un ruolo centrale nello sviluppo delle allergie alimentari.

Il fenomeno dell’allergia e intolleranza agli alimenti o a singole componenti nutrizionali è in crescita, soprattutto nella prima infanzia. Crescono anche i ricoveri e le cure d’urgenza dovute a questa causa, dati recenti ci dicono che negli USA ogni tre minuti di verifica un ricovero ospedaliero a seguito di una reazione allergica causata dagli alimenti.

Una nuova ricerca di un importante centro pediatrico americano (Brigham e Women’s Hospital e Boston Children’s Hospital, Boston, USA) è riuscita a individuare nell’intestino dei bambini con allergie alimentari alcuni specifici tipi di batteri che possono essere coinvolti. Inoltre, somministrando ad animali da laboratorio un preparato orale con queste specie di batteri i ricercatori sono riusciti a fermare lo sviluppo delle allergie e addirittura a farle regredire.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Nature Medicine.

“Potrebbe essere un cambiamento epocale nel nostro approccio alle  allergie alimentari”, ha detto uno degli autori dello studio, Lynn Bry, direttore del Massachusetts Host-Microbiome Center presso il Brigham. “Abbiamo identificato i microbi che hanno un ruolo protettivo e quelli che sono associati allo sviluppo di allergie alimentari nei pazienti. Se somministriamo composti di batteri protettivi come terapia, non solo possiamo prevenire le allergie alimentari, ma possiamo invertire allergie alimentari già in atto in modelli preclinici. Con questi microbi stiamo ripristinando il sistema immunitario “.

Per questo studio il team di ricerca ha raccolto campioni fecali ogni 4-6 mesi da 56 bambini che hanno sviluppato allergie alimentari, confrontando il loro microbiota con 98 bambini che non sviluppavano allergie alimentari. Campioni di microbiota fecale da neonati con o senza allergie alimentari sono stati trapiantati in topi che sono stati sensibilizzati alle uova. I topi che hanno ricevuto il microbiota da controlli sani erano più protetti contro l’allergia all’uovo rispetto a quelli che avevano ricevuto il microbiota dai bambini con allergie alimentari.

Individuate due famiglie di batteri che proteggono dalle allergie

Utilizzando l’informatica i ricercatori hanno analizzato le differenze nei microbi dei bambini con allergie alimentari rispetto a quelli senza, per identificare i microbi associabili alla protezione o allo sviluppo delle allergie. Hanno identificato due gruppi di batteri protettivi. Due composti di cinque e di sei specie di batteri derivati ​​dall’intestino umano, appretenenti a Clostridiales e Bacteroidetes si sono rivelati in grado di sopprimere le allergie alimentari nel modello del topo, proteggendo completamente i topi e mantenendoli resistenti all’allergia alle uova.

“È molto complicato analizzare tutti i microbi nell’intestino e dare un senso a ciò che potrebbero fare nell’allergia alimentare, ma usando approcci computazionali, siamo stati in grado di concentrarci su uno specifico gruppo di microbi associati ad un effetto protettivo “, ha detto il coautore Georg Gerber, co-direttore del Massachusetts Host-Microbiome Center e capo della Divisione di Patologia Computazionale nel Dipartimento di Patologia presso il Brigham. “Essere in grado di arrivare da centinaia di specie microbiche a focalizzarne solo cinque o sei ha implicazioni importanti per una possibile terapia e, per quanto riguarda la ricerca di base, significa che possiamo iniziare a capire come questi specifici batteri conferiscono protezione”.

Ultima modifica:

Giornalista professionista specializzato in editoria medico-scientifica, editor, formatore.

    Articoli collegati