Colesterolo, meglio abbassarlo il più possibile nei pazienti a rischio

, Obesità, le differenze di genere nella risposta allo stimolo della fame

, Obesità, le differenze di genere nella risposta allo stimolo della fameAl congresso della Società Europea di Cardiologia (ESC 2019), in corso a Parigi, saranno presentate le nuove linee guida sul controllo delle dislipidemie dall’ESC e dall’ EAS (European Atherosclerosis Society). Tra le anticipazioni più interessanti c’è l’indicazione di abbassare il più possibile il livello di colesterolo LDL nei pazienti a rischio di attacco di cuore.

“Abbiamo prove schiaccianti da studi sperimentali, epidemiologici, genetici e da studi clinici randomizzati, che il colesterolo LDL alto è una potente causa di infarto e ictus”, ha affermato Colin Baigent, dell’Università di Oxford (UK) – “La riduzione del colesterolo LDL abbassa il rischio indipendentemente dai livelli di base. Ciò significa che nelle persone ad alto rischio di infarto o ictus, ridurre il colesterolo LDL è efficace anche se hanno livelli di partenza inferiori alla media. “

Le nuove linee guida raccomandano di utilizzare i farmaci attualmente disponibili (statine, ezetimibe, inibitori del PCSK9) in modo da abbassare i livelli di colesterolo LDL nei soggetti a rischio, con una riduzione relativa almeno del 50%

“Questo per garantire che i pazienti ad alto o altissimo rischio ricevano una terapia intensiva per abbassare il colesterolo LDL indipendentemente dal loro livello di base”, ha affermato Alberico L. Catapano, professore di farmacologia presso il Dipartimento di Farmacologia e Scienze biomolecolari, Università degli Studi di Milano. “Ai pazienti che sono già vicini al loro obiettivo per il trattamento attuale verrà suggerito un trattamento aggiuntivo che prevede un’ulteriore riduzione minima del 50%”.

Statine, i benefici superano i rischi

“Le statine sono molto ben tollerate e la vera  ‘intolleranza alle statine’ non è comune. La maggior parte dei pazienti può seguire una terapia con le statine ”, ha osservato François Mach,  capo del dipartimento di Cardiologia dell’Ospedale universitario di Ginevra, Svizzera. “Le statine hanno pochissimi effetti collaterali. Questi includono un aumentato rischio di sviluppare il diabete e raramente possono causare miopatia. Ma i benefici delle statine superano di gran lunga i rischi, anche tra i pazienti a basso rischio di eventi cardiovascolari. ”

L’evidenza per la terapia con statine è più limitata nei pazienti di età superiore ai 75 anni, sebbene sia ancora coerente con un beneficio. Le linee guida consigliano di prendere in considerazione il livello di rischio, il colesterolo LDL basale, lo stato di salute e le eventuali interazioni farmacologiche al momento di decidere se le statine sono appropriate nelle persone di età pari o superiore a 75 anni.

Sono state apportate revisioni alle categorie di stratificazione del rischio in modo che i pazienti con rischio patologia cardiovascolare aterosclerotica, diabete con danno d’organo bersaglio, ipercolesterolemia familiare e grave malattia renale cronica siano tutti classificati come a rischio molto elevato (e quindi verrà offerta una terapia intensiva per abbassare il LDL) . Gli obiettivi del trattamento per una particolare categoria di rischio si applicano indipendentemente dal fatto che i pazienti abbiano avuto o meno un infarto o un ictus.

 

Ultima modifica:

Giornalista professionista specializzato in editoria medico-scientifica, editor, formatore.

    Articoli collegati