Il microbiota intestinale influisce sull’invecchiamento delle arterie?

“Questo è il primo studio che dimostra che i cambiamenti che si verificano nel microbiota intestinale con l’invecchiamento hanno un impatto sulla salute dei vasi sanguigni”.

Lo afferma Vienna Brunt del Dipartimento di Fisiologia Integrata dell’Invecchiamento, dell’Università del Colorado di Boulder (Usa).

In questo studio, pubblicato sul Journal of Physiology, a un gruppo di animali da laboratorio di diverse età sono stati somministrati antibiotici ad ampio spettro, che hanno ucciso la maggior parte dei batteri che compongono il microbiota intestinale e poi è stata verificato lo stato di salute delle arterie.

Dopo quattro settimane di trattamento nei topi più anziani si è notato un miglioramento sia nella funzione endoteliale, sia nel grado di rigidità delle arterie.

Secondo gli autori dello studio, questo fa pensare che il microbiota dei soggetti anziani influenzi negativamente la salute delle arterie.

I ricercatori, quindi, hanno eseguito controlli sui campioni fecali, per confrontare la composizione del microbiota dei topi più giovani con quello dei soggetti più anziani ed è emersa, nei topi anziani, una maggiore presenza di ceppi batterici pro-infiammatori.

Un successivo esame ematico, che mirava a rilevare la presenza di metaboliti nel sangue, ha mostrato che i topi più anziani avevano, rispetto ai giovani, tre volte di più TMAO (trimetilammina N-ossido), un metabolita collegato, secondo ricerche precedenti, ad un aumentato rischio di aterosclerosi, infarto e ictus.

“Sappiamo da tempo che lo stress ossidativo e l’infiammazione sono fattori che nel corso del tempo compromettono la salute delle arterie – ha detto Doug Seals, direttore del Dipartimento di Fisiologia Integrata dell’Invecchiamento – Nel rendere le arterie insalubri nel tempo, ma non sapevamo perché le arterie iniziassero a infiammarsi e a stressarsi”, ha detto Doug Seals, del laboratorio di Fisiologia Integrata dell’Invecchiamento. “Ora sospettiamo che, con l’età, il microbiota intestinale inizi a produrre molecole tossiche, incluso il TMAO, che entrano nel flusso sanguigno, causano infiammazione e stress ossidativo e danno ai tessuti”.

Ultima modifica:

Giornalista professionista specializzato in editoria medico-scientifica, editor, formatore.

    Articoli collegati