Sovrappeso a 18 anni aumenta il rischio cardiaco da adulti

, #Adesso basta, MMG in piazza per il rilancio della medicina generale

, #Adesso basta, MMG in piazza per il rilancio della medicina generaleUno studio che include un milione e settecentomila svedesi ha dimostrato che un alto body mass index (BMI) a 18 anni è correlato con un rischio maggiore di avere un attacco di cuore entro i 65 anni d’età.

La ricerca è stata presentata a Parigi, nel corso del recente congresso della Società Europea di Cardiologia (ESC 2019).

Il prima autore dello studio, Maria Aberg dell’Università di of Goteborg (Svezia), ha detto: “Abbiamo dimostrato che il BMI nei giovani è un indicatore di rischio straordinariamente significativo, che persiste durante la vita. Il nostro studio supporta un attento monitoraggio del peso durante la pubertà e uno sforzo maggiore per la prevenzione dell’obesità con un’alimentazione sana e attività fisica. Scuole e genitori possono fare la loro parte incoraggiando gli adolescenti a trascorrere meno tempo libero davanti agli schermi e offrendo cibo sano ”.

Lo studio sui diciottenni di leva

Per questo studio i ricercatori hanno utilizzato i dati di tutti gli uomini svedesi nati tra il 1950 e il 1987 e arruolati per il servizio militare obbligatorio all’età di 18 anni. Durante il militare, gli uomini arruolatio (1.668.921) sono stati sottoposti a esami fisici e psichici, come BMI, pressione sanguigna, QI, test cardiovascolari e di funzionalità muscolare.

Utilizzando i registri sanitari e dei decessi in Svezia per un follow-up massimo di 46 anni (tra il il 1969 e il 2016) i ricercatori hanno verificato quante persone hanno avuto un infarto fatale o non fatale nel corso della vita.

Ci sono stati 22.412 attacchi di cuore che si sono verificati a un’età media di 50 (età massima 64).

Un alto BMI a 18 anni è risultato associato a un elevato rischio di infarto prima dei 65 anni, anche dopo aggiustamento per fattori confondenti come età, anno di coscrizione, presenza di altre patologie all’inizio dello studio, livello culturale, pressione sanguigna, QI, forza muscolare e attività fisica praticata.

L’aumento del rischio inizia con un BMI di 20 kg/m2, un livello considerato normale, per crescere gradualmente, culminando in una probabilità quasi 3,5 volte più elevata di infarto negli obesi gravi (BMI 35 o superiore).

L’importanza del controllo del peso

Commentando il motivo per cui il rischio è iniziato anche a BMI sani, il Aberg ha dichiarato: “Nello studio si rileva solo l’associazione tra BMI a 18 anni e rischio cardiovascolare in età adulta. Sulle motivazioni di questo collegamento possiamo fare solo delle ipotesi. È possibile che il metabolismo lipidico alterato, l’infiammazione e lo stress ossidativo contribuiscano all’aterosclerosi nelle persone con un BMI oltre i 20. Inoltre, potrebbe essere necessario riconsiderare i valori di riferimento per il BMI normale nella tarda adolescenza. ”

Infine i ricercatori fanno notare che poiché lo studio ha incluso solo uomini, i risultati non possono essere estesi alle donne.

Ultima modifica:

Giornalista professionista specializzato in editoria medico-scientifica, editor, formatore.

    Articoli collegati