Consumo di pesce in gravidanza e metabolismo del bambino

Un consumo moderato di pesce (da una a tre volte a settimana) durante la gravidanza ha un effetto positivo sul profilo metabolico del bambino nei primi anni di vita. Il dato emerge da uno studio condotto in collaborazione da ricercatori di cinque paesi europei (Francia, Grecia, Norvegia, Spagna e Regno Unito), pubblicato su JAMA Network Open.

Lo studio ha arruolato 850 donne e i loro figli, che sono stati monitorati dalla nascita fino a quando avevano un’età compresa tra 6 e 12 anni. Con questionari specifici è stato valutato il consumo settimanale di pesce delle madri, che sono state anche sottoposte a test per rilevare la concentrazione di mercurio nel sangue.

Ai bambini è stato assegnato un punteggio che identificava il profilo metabolico, tenendo conto di circonferenza della vita, pressione sistolica e diastolica e livelli di trigliceridi, colesterolo lipoproteico ad alta densità e insulina. Un punteggio più basso indicava un profilo metabolico migliore.

Lo studio

L’età media delle madri alla partenza dello studio era di 31,3 anni. Un totale di 400 donne (49,7%) aveva un alto livello di istruzione e 432 donne (53,7%) erano multipare.

L’assunzione di pesce coerente secondo le raccomandazioni per una dieta sana (da 1 a 3 volte alla settimana) durante la gravidanza è stata associata a una riduzione di 1 unità del punteggio metabolico nei bambini rispetto ai figli della madri con un basso consumo di pesce (<1 volta a settimana), dopo aggiustamento per i livelli di mercurio materno e altre variabili.

I risultati

Una maggiore concentrazione materna di mercurio è stata indipendentemente associata ad un aumento del punteggio della sindrome metabolica della prole. Rispetto al basso apporto di pesce, l’assunzione di pesce moderata e alta durante la gravidanza è stata associata a livelli ridotti di citochine proinfiammatorie e adipocine nei bambini.

“Il pesce è un’importante fonte di nutrienti per il feto in via di sviluppo e il suo consumo non deve essere evitato”, ha dichiarato a Reuters Health Lida Chatzi della Keck School of Medicine dell’Università della California del Sud a Los Angeles.”Tuttavia, a causa della potenziale contaminazione dei pesci con mercurio, le donne in gravidanza dovrebbero aderire alle attuali raccomandazioni e consumarne quantità moderate, non più di 3 volte a settimana”.

Chatzi ha anche specificato quali specie di pesce sono più adatte al consumo in gravidanza

“Tra le specie ittiche, esiste una notevole variazione nel contenuto sia di nutrienti benefici che di mercurio”, ha affermato Chatzi “Ad esempio, i pesci grassi hanno un contenuto maggiore di acidi grassi omega-3 rispetto ai pesci magri. Inoltre, le specie più piccole o con una vita più breve (ad esempio salmone, sardina, trota) hanno concentrazioni più basse di mercurio rispetto a quelle più grandi e con una vita più lunga (ad esempio pesce spada, sgombro, tonno). “

Ultimo aggiornamento il 6 Aprile 2020 di: Alessandro Visca

Alessandro Visca

Giornalista professionista specializzato in editoria medico­­­­-scientifica, editor, formatore.

Back To Top