Covid-19, una scarsa igiene orale può aumentare il rischio di complicanze

La salute della bocca può influire sulla gravità degli esiti dell’infezione da Covid-19? La domanda se la sono posta un gruppo di ricercatori inglesi in uno studio multicentrico che ha cercato di scoprire se ci sia un legame tra l’igiene orale e l’esito più o meno grave dell’infezione.

L’ipotesi parte dal presupposto che i batteri in eccesso presenti nella bocca in caso di scarsa igiene orale e malattie parodontali possano avere un ruolo nelle sovrainfezione batterica, che in chi ha contratto il Covid-19 può causare polmonite, sindrome da distress respiratorio acuto e sepsi.

Inoltre, gli autori di questo studio evidenziano che le comorbidità a più alto rischio di complicanze di Covid-19 (come diabete e ipertensione) causano anche squilibri nel microbioma orale e aumentano il rischio di malattia parodontale.

Lo studio

Lo studio multicentrico inglese, pubblicato sul British Dental Journal  ha indagato la connessione tra elevata carica batterica nella bocca e complicanze dell’infezione virale e in che modo il miglioramento della salute orale può ridurre il rischio di peggiori esiti del COVID-19.

Gli autori spiegano che durante l’infezione polmonare esiste il rischio di aspirare le secrezioni orali nei polmoni. Alcuni dei batteri presenti nella bocca che potrebbero causare tali infezioni includono Porphyromonas gingivalis, Fusobacterium nucleatum, Prevotella intermedia. Inoltre, la parodontite o stati infiammatori delle gengive sono le cause più frequenti della presenza di batteri nocivi in bocca. Questi batteri portano alla formazione di citochine come l’interleuchina 1 (IL1) e il fattore di necrosi tumorale (TNF), che possono essere rilevati nella saliva e possono raggiungere i polmoni portando a infezioni al loro interno.

Quindi i ricercatori evidenziano che “un’igiene orale inadeguata può aumentare il rischio di scambi interbatterici tra i polmoni e la bocca, aumentando il rischio di infezioni respiratorie e potenzialmente complicazioni batteriche post-virali”.

In conclusione gli autori scrivo che il 20% dei pazienti con Covid-19 sviluppa in una malattia grave con alti livelli di “marcatori infiammatori (IL-2, IL-6, IL-10), batteri e conta dei neutrofili-linfociti”. I quattro fattori di rischio essenziali per gravi COVID-19, diabete, ipertensione, malattie cardiache e obesità, sono anche associati a un basso livello di salute orale.

Le raccomandazioni

Gli autori dello studio inglese raccomandano quindi “di mantenere l’igiene orale durante un’infezione da SARS-CoV-2 al fine di ridurre la carica batterica in bocca e il potenziale rischio di superinfezione batterica”. Queste precauzioni sono particolarmente importanti per le persone con diabete, ipertensione e malattie cardiache.

“Una buona igiene orale – ricordano gli autori dello studio – è stata riconosciuta come mezzo per prevenire le infezioni delle vie aeree nei pazienti, specialmente in quelli con più di 70 anni”.

Inoltre i pazienti con malattia parodontale hanno un rischio aumentato del 25% di malattie cardiache, tre volte il rischio di contrarre il diabete e un rischio maggiore del 20% di ipertensione, tutte condizioni che aumentano i rischio di complicanze gravi per il Covid-19.

 

Ultimo aggiornamento il 7 Luglio 2020 di: Pierpaolo Benini

Alessandro Visca

Giornalista professionista specializzato in editoria medico­­­­-scientifica, editor, formatore.

Back To Top