Diabete tipo 2, alto rischio cardiovascolare anche nei paesi del Mediterraneo

Il 93% dei pazienti con diabete di tipo 2 ha un alto o altissimo rischio di avere un evento cardiovascolare (infarto o stroke) fatale entro dieci anni. Questo è l’impressionante risultato di un nuovo studio, condotto da un team di ricercatori dell’Institut Català de la Salut e pubblicato sul Eur J Prev Cardiol.

Lo studio

Nella ricerca è stata valutata un’ampia popolazione di 373.185 persone di età pari o superiore a 18 anni con diagnosi di diabete di tipo 2 entro il 31 dicembre 2016. L’età media era di 70,1 anni e il 45,2% era di sesso femminile. Circa il 72% aveva la pressione alta, il 45% era obeso, il 60% aveva un colesterolo sierico alto e il 14% erano fumatori.

I ricercatori hanno calcolato la probabilità per ogni partecipante di avere un infarto o ictus fatale entro 10 anni utilizzando le categorie nelle linee guida ESC su diabete e malattie cardiovascolari, che contempla 3 fasce: rischio molto alto (superiore al 10%), rischio elevato (tra 5 % e 10%) e rischio moderato (inferiore al 5%).

Per essere classificati come a rischio molto alto, i pazienti devono avere una malattia cardiovascolare accertata (per esempio pregresso infarto o ictus), o altre condizioni patologiche come insufficienza renale, oppure almeno tre fattori di rischio cardiovascolare (età avanzata, ipertensione, colesterolo alto, fumo, obesità).

Oltre la metà dei partecipanti (53,4%) presentava un rischio molto elevato di eventi fatali entro dieci anni. Questa osservazione era più frequente negli uomini (55,6%) che nelle donne (50,7%). Circa il 39,6% è stato classificato come ad alto rischio e solo il 7% aveva un rischio moderato.

Dati raccolti nell’area mediterranea

“Per quanto ne sappiamo – ha detto Manel Mata-Cases, medico di medicina generale dell’Institut Català de la Salut, Sant Adrià de Besòs (ES) – questo studio su quasi 375.000 persone da un database ben convalidato basato sulla popolazione illustra per la prima volta la situazione nel Mediterraneo. Tradizionalmente, il rischio cardiovascolare nella regione è stato inferiore a quello dell’Europa centrale e settentrionale o degli Stati Uniti; pertanto, i nostri risultati dovrebbero generare preoccupazione e un invito all’azione per prevenire attacchi di cuore e ictus nelle persone con diabete di tipo 2 gestiti nelle cure primarie “, ha aggiunto.

Mata-Cases ha sottolineato che la metà dei pazienti nel gruppo ad altissimo rischio non aveva una storia di malattie cardiache, il che significa che non sono in cura con farmaci per prevenire attacchi di cuore e ictus e ha concluso: “Questi risultati in un contesto di cure primarie dovrebbero alimentare l’implementazione dell’assistenza integrata.”

“I comportamenti sani – ribadisce l’autore dello studio – sono la pietra angolare della prevenzione delle malattie cardiovascolari e devono essere combinati con il controllo della glicemia, del colesterolo sierico e della pressione sanguigna. I medici di base e gli infermieri dovrebbero concordare gli obiettivi del trattamento con i pazienti considerando le loro caratteristiche e preferenze.”

 

Ultimo aggiornamento il 16 Novembre 2020 di: Alessandro Visca

Alessandro Visca

Giornalista professionista specializzato in editoria medico­­­­-scientifica, editor, formatore.

Back To Top