Dieta sana, i carotenoidi abbassano il rischio di Alzheimer

caroteLe proprietà antiossidanti e antinfiammatorie degli alimenti di origine vegetale suggeriscono che un regime dietetico con un alto introito di frutta e verdure abbia un effetto positivo sulla conservazione delle facoltà cognitive nell’invecchiamento. Nuove ricerche stanno cercando di individuare il possibile ruolo di componenti specifiche dei vegetali nel rallentamento del declino cognitivo.

Un nuovo studio americano, su una popolazione anziana, ha verificato la relazione tra carotenoidi e rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer. I ricercatori hanno 927 persone con più di 81 anni partecipanti al progetto Rush Memory and Aging che erano liberi da Alzheimer alla partenza delo studio e sono stati seguiti per una media di 7 anni. Lo studio, pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition, utilizzando modelli statistici, ha stimato il rischio (HR) di Alzheimer in relazione al consumo di carotenoidi e ha anche verificato con un esame autoptico post-mortem il cervello di 508 deceduti nel corso dello studio.

I risultati di questa analisi ci dicono che una maggiore assunzione di carotenoidi è associata a un rischio significativamente inferiore di Alzheimer. In particolare il rischio nel quintile superiore di consumo di carotenoidi con la dieta è quasi del 50% inferiore a quello del quintile inferiore. Un dato confermato dall’esame post-mortem. Tra i partecipanti deceduti, i consumatori di totale maggiore carotenoidi avevano meno segni di patologia cerebrale.

Tra i carotenoidi sono emerse in particolare luteina-zeaxantina presenti soprattutto in vegetali di colore verde scuro o giallo (cavolo, spinaci, peperoni, mais).

Gli autori concludono: “I nostri risultati supportano un ruolo benefico del consumo totale di carotenoidi, in particolare luteina/zeaxantina, sull’incidenza di malattia di Alzheimer che può essere correlata all’inibizione della deposizione di β-amiloide cerebrale e della formazione di fibrille”

Ultimo aggiornamento il 8 Marzo 2021 di: Alessandro Visca

Alessandro Visca

Giornalista professionista specializzato in editoria medico­­­­-scientifica, editor, formatore.

Back To Top