Cardiologia, una TAC innovativa che usa l’intelligenza artificiale

L’intelligenza artificiale applicata alla diagnosi strumentale consente di effettuare test sempre più accurati e personalizzati. Un esempio significativo è la TAC che utilizza l’intelligenza artificiale applicata all’imaging cardiovascolare, capace di creare un algoritmo specifico per ogni paziente. La piattaforma si chiama TAC Revolution Apex e utilizza il minimo di radiazioni per avere il massimo di precisione nell’elaborazione di un esame personalizzato; tale macchinario è specificatamente progettato per produrre immagini di alta qualità attraverso la ricostruzione dell’immagine con il deep learning (macchina che impara).

Con le piattaforme che acquisiscono solitamente le immagini TAC, le radiazioni ionizzanti che irradiano il paziente sono standardizzate per tutti, nel caso della TAC Revolution Apex, i protocolli di acquisizione sono customizzati rispetto al quel singolo paziente.

Questa personalizzazione comporta vantaggi significativi per il paziente:

  1. La bassa radioesposizione che rimane sotto il millisievert (unità di misura della radioesposizione);
  2. Aumentando il rapporto segnale/rumore SNR si tende a ridurre il ‘blooming effect’ (penombra che si crea intorno alle placche calcifiche che è una delle cause principali di falsi positivi) e quindi si migliora la specificità e l’accuratezza diagnostica dell’esame.

Perché e come utilizzare la TAC per lo studio delle coronarie

Attualmente questa TAC innovativa è disponibile in pochi centri in Europa e in uno solo in Italia: il Centro Cardiologico Monzino di Milano. Gianluca Pontone, Direttore del Dipartimento di Cardiologia peri-operatoria e Imaging cardiovascolare del Monzino spiega:

La TAC cardiaca nasce dall’idea di poter studiare le coronarie senza ricorrere a esami invasivi non necessari. I risultati che abbiamo sinora ottenuto in termini di accuratezza sono ottimi e i vantaggi per i pazienti molto evidenti. La scansione TAC, tuttavia, presuppone sempre l’uso di radiazioni, per cui il nostro impegno negli ultimi anni si è concentrato sul trovare il modo di ridurre la radioesposizione senza ridurre l’accuratezza e la precisione dell’esame”.

“Nel Centro Cardiologico Monzino, – continua l’esperto – abbiamo sviluppato un intenso programma per lo studio della perfusione cardiaca con TAC, che non è un’applicazione comune, solitamente infatti, la TAC mostra immagini statiche. Abbiamo quindi attivato un protocollo di perfusione dinamica per studiare la perfusione del cuore anche grazie alla bassa radioesposizione che questa piattaforma offre”.

“Lo strumento Intelligenza artificiale diventa quindi un tool in più nelle mani del medico, che comunque svolge un ruolo centrale. – sottolinea Pontone – L’intelligenza artificiale ci aiuta molto nella nostra attività, soprattutto per escludere la presenza di patologie. Infatti, nella normale routine vengono impiegate una grande quantità di risorse per l’esclusione di patologia, e soltanto in un numero più ridotto di casi si identifica una patologia. I principali algoritmi di intelligenza artificiale sono accurati e robusti nel dire che non c’è niente di patologico, questo consente di accelerare il flusso di lavoro e permette al medico di concentrarsi di più sulle condizioni patologiche.”

L’incontro tra competenze cardiologiche e radiologiche

“La nostra visione – aggiunge Pontone – sull’imaging cardiovascolare in cardiologia è ormai in multi modalità, comprende tecniche ecocardiografiche di TAC e di RM ed è da considerarsi una terra di confine tra le competenze cardiologiche e le competenze radiologiche. La sintesi la simbiosi tra questi due mondi è sicuramente la chiave di successo per avere l’imaging avanzato. Già dall’inizio degli anni 2000 nel nostro Centro si è costituito un Dipartimento di Imaging cardiovascolare con competenze cardiologiche e radiologiche integrate, in un sistema di base che risulta essere di successo in campo cardiologico. Da noi lavorano specialisti in cardiologia e radiologia in équipe integrate, personale con doppia specializzazione in cardiologia e radiologia, oltre a bioinformatici e bioingegneri. Per questo siamo pionieri nelle nuove tecnologie di imaging, che ci impegniamo a diffondere in Italia attraverso un’intensa attività formativa”.

Ultima revisione: 21 Febbraio 2022 – Alessandro Visca

Silvia Pogliaghi

Giornalista scientifica, specializzata su ICT in sanità.