skip to Main Content
celiachia dieta

La celiachia aumenta il rischio di artrite reumatoide e artrite idiopatica giovanile

Nelle persone con malattia celiaca la prevalenza di patologie autoimmuni è più alta rispetto a quella della popolazione generale. Una nuova ricerca su un ampio database di popolazione ha riscontrato, in particolare, un rischio maggiore di ricevere una diagnosi di Artrite Reumatoide (AR) per gli adulti e di sviluppare un’Artrite Idiopatica Giovanile (AIG) per i bambini celiaci.

Si tratta di uno studio retrospettivo di coorte basato sulla popolazione nazionale svedese che ha utilizzato dati epidemiologici e referti istopatologici.

I risultati di questo studio, da poco pubblicato su The American Journal of Gastroenterology, secondo gli autori, dovrebbero suggerire controlli più frequenti per eventuali patologie infiammatorie delle articolazioni nei soggetti celiaci.

John B. Doyle, gastroenterologo presso l’Irving Medical Center, Columbia University, New York City (Usa), ha dichiarato:

Le malattie infiammatorie articolari, come AR e AIG, sono notoriamente difficili da diagnosticare date le loro presentazioni variabili. Ma se vengono identificate precocemente, i pazienti possono iniziare prima la terapia modificante la malattia, con importanti benefici”.

Lo studio sulla popolazione svedese

Doyle e colleghi hanno identificato 24.014 pazienti con diagnosi di celiachia comprovata da biopsia tra il 2004 e il 2017. Ogni paziente è stato abbinato a cinque individui di riferimento della popolazione generale per età, sesso, anno di nascita e area geografica (in totale 117.397 persone) senza diagnosi di celiachia.

I ricercatori hanno calcolato l’incidenza e stimato il rischio relativo di AIG nei pazienti di età inferiore ai 18 anni e di AR nei pazienti di età ≥ 18 anni.

Nella popolazione di età inferiore ai 18 anni con malattia celiaca il tasso di incidenza di AIG è risultato di 5,9 per 10.000 persone/anno, contro 2,2 per 10.000 persone/anno della popolazione generale, in un follow-up di 7 anni. Quindi i celiaci avevano una probabilità 2,7 volte maggiore di sviluppare AIG.

Per i celiaci di età pari o superiore a 18 anni, il tasso di incidenza di AR è stato di 8,4 per 10.000 persone/anno rispetto a 5,1 per 10.000 persone/anno nella popolazione generale, in un follow-up di 8,8 anni. Quindi i celiaci avevano una probabilità 1,7 volte maggiore di sviluppare AR.

In entrambe le coorti, l’associazione tra celiachia e AR è rimasta simile dopo aggiustamento per grado di istruzione, paese di nascita, diabete di tipo 1, malattia autoimmune della tiroide, lupus e malattie infiammatorie croniche intestinali.

Sebbene sia gli uomini che le donne con malattia celiaca presentassero tassi più elevati di AR, il rischio era più elevato tra coloro in cui la malattia era stata diagnosticata all’età di 18-59 anni rispetto a coloro che avevano ricevuto una diagnosi all’età di 60 anni o più.

Da notare che anche prima della diagnosi di celiachia i celiaci rispetto alla popolazione generale hanno una probabilità maggiore di sviluppare una malattia infiammatoria delle articolazioni e questo, secondo Benjamin Lebwohl, direttore della ricerca clinica del Celiac Disease Center della Columbia University, suggerisce che:

La celiachia non diagnosticata e non trattata potrebbe contribuire ad altre condizioni autoimmuni”.

In collaborazione con Dr. Schär

Ultima revisione: 2 Dicembre 2022 – Alessandro Visca

Alessandro Visca

Giornalista professionista specializzato in editoria medico­­­­-scientifica, editor, formatore.