Asma allergico grave: quanto conta il rapporto medico-paziente in terapia

Rafforzare il rapporto tra medico e paziente per effettuare una diagnosi corretta dell’asma allergico grave. Dovrebbe essere questo l’obiettivo da perseguire al fine di attuare un trattamento farmacologico adeguato e in conseguenza di migliorare la qualità di vita dei pazienti, siano essi adulti che bambini. Questa tematica è stata affrontata nel corso del convegno Novair che si è tenuto a Firenze, lo scorso 16 febbraio

(continua)

Questo contenuto è riservato agli utenti registrati, vi preghiamo di inserire nome utente e password.

Login utenti registrati
   
Nuovo utente
*Indicare l'accettazione delle condizioni di servizio TOS
*Campo obbligatorio