ISY, una piattaforma digitale per supportare il paziente psichiatrico

Lo strumento consente la pianificazione delle attività quotidiane e la comunicazione con caregiver e medici

telemedicina medicoLa programmazione delle attività quotidiane è un elemento fondamentale nella riabilitazione dei soggetti con schizofrenia. Janssen, azienda da sempre impegnata nell’area della salute mentale, ha realizzato “ISY – Insieme a te”, una nuova piattaforma digitale che supporta il paziente nelle sue incombenze e gli permette di rimanere adeguatamente in contatto con il medico curante. Il soggetto con schizofrenia può scaricare una app sul proprio dispositivo mobile che integra la sua agenda personale, letture e contenuti di svago. Inoltre, gli permette di contattare il proprio caregiver. Lo specialista, dal canto suo, può accedere alla piattaforma da PC, mantenendo così un contatto con il paziente per inviargli richieste di documenti e promemoria delle visite, o anche di chiedere un consulto via chat ai colleghi.

Massimo Di Giannantonio, presidente della Società Italiana di Psichiatria, che ha concesso il patrocinio a ISY, ha commentato:

La schizofrenia è una patologia dall’impatto complesso e multifattoriale per i pazienti e i caregiver e una presa in carico moderna, efficace e scientificamente evoluta da parte degli specialisti risulta fondamentale. Tale ventaglio di interventi terapeutici integrati deve essere continuativo fin dall’esordio della patologia e perdurare costantemente durante le fasi della stabilizzazione, nell’approccio e nel progetto del raggiungimento della recovery. È nella paziente costruzione degli obiettivi terapeutici che risiede il gold standard del trattamento che arriva nelle fasi finali ad una particolare alleanza terapeutica fra paziente operatori e caregiver, capace di produrre il risultato ottimale, ovvero il conseguimento del più ampio livello di autonomia e indipendenza.”

E proprio in quest’ottica è stato realizzato ISY, grazie anche alla collaborazione con la società Human Insight.

Antonio Vita, direttore del Dipartimento di Salute mentale e Dipendenze di Brescia, ha concluso:

Nella presa in carico delle persone affette da schizofrenia gli obiettivi del trattamento devono essere significativi e condivisi da parte del paziente: aspettative positive, responsabilità e opportunità concrete sono gli ingredienti del paradigma della recovery che sta guadagnando spazio fra le prassi innovative a livello internazionale. L’app ISY è volta proprio a favorire da un lato l’organizzazione delle attività quotidiane nelle aree della gestione del tempo libero, delle relazioni sociali e dello svolgimento di attività produttive, che sono i temi principali dei percorsi di riabilitazione del paziente, dall’altro contribuisce a favorire il coinvolgimento attivo dei pazienti ma anche dei loro famigliari e degli operatori nella co-costruzione di questi percorsi, che è la dimensione senza la quale diventa impossibile attuare concretamente il recupero della persona ed il sostanziale miglioramento della sua qualità di vita”.

Ultimo aggiornamento il 25 Ottobre 2021 di: Alessandro Visca

Folco Claudi

Giornalista medico scientifico

Back To Top