Prevenzione, la medicina scolastica e la tutela della salute visiva

di Danilo Mazzacane
Segretario Società Scientifica GOAL (Gruppo Oculisti Ambulatoriali Liberi)

 

L’inizio dell’anno scolastico comporta ovunque preoccupazione e confusione circa le misure sanitarie relative all’emergenza Covid, da mettere in campo per tutelare studenti, docenti e personale scolastico. Tuttavia è pur vero che da ogni evento negativo si può trarre insegnamento e stimolo per una ristrutturazione positiva e magari duratura nel tempo. L’occasione è ghiotta per riproporre la medicina scolastica con compiti non solo di sorveglianza sanitaria anti-Covid, ma anche di prevenzione ed educazione sanitaria.

Il ripristino della medicina scolastica pertanto dovrebbe essere previsto e programmato non a termine ed in funzione unicamente emergenziale, ma come anello importante della rete sanitaria territoriale con funzione stabile ed efficiente.

Il ruolo del medico scolastico

In realtà la rete della medicina scolastica era esistente da 1961 ed è stata alienata negli anni Ottanta, si propone di ricrearla in versione moderna.

L’evoluzione del sistema sanitario – sociale ha più volte messo in evidenza la necessità di una figura sanitaria, adeguatamente formata, di riferimento nell’ambito della scuola.

Il medico scolastico avrebbe il compito di insegnare le elementari norme igieniche, alimentari e comportamentali costituendo una figura “amica” alla quale fare riferimento in prima istanza per ogni necessità, in supporto ed in collaborazione con le altre figure mediche del territorio ed affiancato ad altre professionalità sanitarie per l’attività di screening a favore degli studenti per svariate condizioni patologiche, prevenendo e riducendo l’insorgenza di condizioni dannose per la salute, a loro volta potenzialmente determinanti situazioni di disabilità per il resto della vita.

L’ortottista a scuola

Nell’ambito oftalmologico la valorizzazione e l’impiego nell’ambito scolastico dell’ortottista (figura sanitaria con formazione universitaria, creata per collaborare con il medico oculista ) permetterebbe di intercettare precocemente le condizioni di deficit visivo degli studenti ed indirizzarli celermente alla esecuzione di una visita medica oculistica.

In tal modo si realizzerebbe una richiesta appropriata di visita medica oculistica e nello stesso tempo si supporterebbe il pediatra del territorio, che è spesso in difficoltà a curare un numero di piccoli pazienti superiore a quanti ne dovrebbe avere in carico, a causa della carenza di medici specialisti in pediatria disponibili attualmente in Italia.

Per esempio, il pronto riscontro della condizione di ambliopia (comunemente conosciuta come “occhio pigro”), può permettere di diagnosticare e correggere precocemente il difetto rifrattivo ed instaurare una terapia riabilitativa, recuperando una buona capacità visiva. Anche una educazione sanitaria in ambito oculistico si rileva utile per insegnare le regole per una migliore alimentazione, per il buon uso dei sistemi digitali, delle migliori condizioni ergonomiche da utilizzare e degli innovativi ausili ottici oggi disponibili.

Gli studenti, sin dalla giovane età trascorrono la maggior parte del tempo a scuola e spesso in questa sede si evidenziano criticità, che spesso sfuggono all’attenzione dei genitori per ragioni vario genere, ed invece meritano un approfondimento medico specialistico.

La realizzazione di un gioco di squadra sanitario in ambito scolastico a supporto della salute degli studenti e di conforto per i genitori, non può che porre le basi per una futura generazione in buona salute ed in condizione di affrontare al meglio le avversità della vita.

I recenti eventi avversi, che hanno funestato l’esistenza di tutta la popolazione italiana ed il desiderio di ripartire celermente in serenità e sicurezza, sono sicuramente uno stimolo per cercare di concretizzare i buoni propositi, investendo in maniera “buona” il debito che andremo a contrarre nel breve con l’Unione Europea.

Ultimo aggiornamento il 14 Settembre 2020 di: Alessandro Visca

Danilo Mazzacane

Medico specialista in Oftalmologia ed in Idrologia Medica, oculista ambulatoriale presso le ASST di Pavia e Melegnano e Martesana con incarico di responsabile di branca.

Segretario Generale Regionale Cisl Medici Lombardia, Presidente del Collegio dei Revisori dei Conti dell'Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri di Milano.

Segretario e fondatore della Società Scientifica GOAL (Gruppo Oculisti Ambulatoriali Liberi ). Consigliere della Società Scientifica AIMO (Associazione Italiana Medici Oculisti ).

Revisore dei conti della Società Scientifica SIOL (Società Italiana Oftalmologia Legale )
Vicepresidente della Commissione Difesa Vista. Vicepresidente dello IAPB Lombardia (Agenzia Internazionale Prevenzione Cecità).
Autore di numerosi articoli e pubblicazioni scientifiche e organizzatore, relatore e chairman di numerosi eventi scientifici.