Sanofi punta sulla creazione di valore condiviso

#CreareValoreInsieme, è il titolo scelto dalla Sanofi per il report che misura le attività aziendali con gli obiettivi di sostenibilità indicati dalle Nazioni Unite nell’Agenda 2030. Si tratta del primo studio in ambito farmaceutico che si confronta con i 17 Sustainable Development Goals varati nella 70° Assemblea Generale delle Nazioni Unite, il 25 settembre 2015, che riguardano temi cruciali come lotta alla povertà, sicurezza alimentare, contrasto alle diseguaglianze, cambiamenti climatici, sanità, consumo e produzione sostenibili, crescita economica e occupazione, sviluppo infrastrutturale, tutela delle risorse naturali, parità di genere.

#CreareValoreInsieme mostra l’impegno dell’azienda farmaceutica a partire dal miglioramento della salute e delle condizoni di vita, con l’impegno a espandere le collaborazioni per affrontare le principali patologie trasmissibili, abbattendo i tassi di mortalità e aumentando la prevenzione. Con investimenti nella ricerca per sviluppare soluzioni a basso costo, favorendo l’accessibilità alle cure. Per quanto rigurda i cambiamenti climatici e l’uso di energia pulita, Sanofi è impegnata a ridurre le emissioni di carbonio e i rifiuti tossici e considera le misure di tutela ambientale come parte della propria strategia. A favore dello sviluppo e della crescita economica ci sono gli investimenti in centri di ricerca e sviluppo all’avanguardia con l’incremento il numero dei ricercatori in tutti i Paesi del mondo. Grande attenzione anche per l’uguaglianza di genere, favorendo l’ingresso, lo sviluppo professionale e di carriera delle donne, garantendo un’equa partecipazione a livello decisionale e direttivo. Infine il report di Sanofi mostra l’impegno per favorire nuove partnership tra pubblico e privato e iniziative multi-stakeholder per la promozione dello sviluppo sostenibile.

Secondo Alexander Zehnder, Presidente e AD Sanofi Italia: “I cambiamenti nel mondo conducono verso un modello di pensiero in cui business e società sono interdipendenti e non più parallele. In particolare, le aziende farmaceutiche sono chiamate a rispondere a sfide cruciali come il mutamento demografico, la cronicizzazione delle malattie, l’aumento della spesa pubblica e la sostenibilità del sistema sanitario.”.