ViviSmart, prevenzione intelligente con la dieta mediterranea

Un grande progetto di educazione sanitaria per promuovere uno stile di vita più sano a partire dall’alimentazione. Il progetto ViviSmart, presentato a Roma al ministero della Salute con la partecipazione del ministro Beatrice Lorenzin, nasce da un’inedita alleanza tra grandi aziende nel settore della produzione e della distribuzione alimentare.

L’allenza tra Barilla, Coop Italia, Danone (battezzata aBCD) con Fondazione Barilla Center for Food & Nutrition, Associazione Nazionale Cooperative di Consumatori-Coop e Fondazione Istituto Danone ha dato vita a un progetto che prevede il coinvolgimento di 2 milioni e mezzo di cittadini, 1.500 bambini della scuola primaria e i loro nuclei familiari, 100 famiglie, 25 medici di medicina generale, 16 punti vendita.

Al progetto pilota di ViviSmart, che partirà in 4 città italiane (Milano, Parma, Genova e Bari), partecipa anche la SIMG, Società Italiana della Medicina Generale e delle Cure primarie. I medici di famiglia partecipanti al progetto sono chiamati a stimolare il cambiamento dello stile di vita in un gruppo di famiglie, con almeno un bambino di età compresa tra i 6 e i 10 anni e con problemi di sovrappeso in almeno uno dei suoi componenti.

I medici saranno dotati di strumenti per un’attività di counseling associata a regolari misurazioni di parametri fisici. La misurabilità dei risultati, come è stato sottolineato nella presentazione, è uno dei punti di forza del progetto perché consentirà di raccogliere informazioni utili per i futuri programmi di educazione e prevenzione.

Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha sottolineato come il progetto sia in linea con gli orientamenti fondamentali della sanità pubblica in tema di prevenzione, a partire dalla lotta all’obesità, definita “una grande sfida” e un obiettivo primario per le importanti ricadute in termini di qualità di vita dei cittadini nel corso degli anni, oltre che di impatto sul sistema sanitario, considerando le tante patologie croniche favorite da obesità e sovrappeso.

“L’Alleanza aBCD è nata, nel solco tracciato dal Programma Nazionale “Guadagnare Salute” e nella cornice della strategia europea “Gaining in health” promossa dall’OMS nell’autunno del 2006, dalla consapevolezza che sono necessarie unioni tra forze diverse e azioni sinergiche per incidere sulle abitudini e gli stili di vita” dichiara Marco Pedroni, Presidente Coop Italia. “L’Alleanza si basa sul presupposto che i soggetti privati debbano continuare a operare di concerto con le Istituzioni e la Comunità Scientifica per promuovere l’importanza di una corretta alimentazione e di sani stili di vita, già a partire dall’età scolare, coinvolgendo gli educatori, i bambini, i loro genitori”.

I contenuti del messaggio fondamentale di ViviSmart sono quelli noti riferiti alla piramide alimentare e ai vantaggi della dieta mediterranea, ma l’obiettivo è quello di passare dalla semplice consapevolezza a un reale cambiamento dello stile di vita.

“Il progetto propone obiettivi alla portata delle famiglie, specifici, realistici, raggiungibili in un tempo definito, e, soprattutto, misurabili” prosegue Francesco Del Porto, President Region Italy and Global Chief Customer Officer Barilla. “L’obiettivo è rimettere al centro della vita delle famiglie i principi del modello alimentare mediterraneo, accompagnato dalla giusta attività motoria: per farlo si è deciso di coinvolgere nelle scelte i partecipanti, attraverso un innovativo approccio di edutainment, in grado di intrattenere ed educare i soggetti coinvolti”.

Cyrille Auguste, amministratore delegato di Danone Italia, ha sottolineato l’importanza di questa collaborazione tra istituzioni pubbliche e industria privata che si inserisce nello spirito della “Carta di Milano” il documento programmatico sulla sana alimentazione lanciato all’Expo Milano 2015.

Nella 4 città scelte per il progetto pilota di ViviSmart verranno realizzate iniziative di animazione e sensibilizzazione nei punti vendita, attività educative nelle scuole, anche attraverso l’impiego di una piattaforma digitale dedicata (progettovivismart.it).

Nelle stesse zone prenderà il via un progetto pilota in collaborazione con SIMG per lo sviluppo del modello di intervento sulle famiglie, scientificamente validato da un board qualificato di nutrizionisti e pediatri su più di 100 famiglie.

Quanto verrà realizzato nel corso della sperimentazione sarà poi alla base di raccomandazioni allargate per la popolazione generale. Infine è prevista una progressiva estensione del progetto per far sì che l’iniziativa possa progressivamente diventare di carattere nazionale, anche attraverso il coinvolgimento di altri partner e delle istituzioni sanitarie.