Allergie di primavera: come le affrontano uomini e donne

allergie

allergieAllergie di primavera: come le affrontano uomini e donne ci viene svelato da una recente indagine promossa da Assosalute (Associazione nazionale farmaci di automedicazione) che ha coinvolto circa 1.000 partecipanti (divisi equamente tra uomini e donne) e che ha evidenziato il diverso approccio dei due campioni presi in esame nel gestire i disturbi e i sintomi derivanti dalle allergie tipicamente primaverili.

Ma vediamo qualche dato. Le problematiche più lamentate dall’uomo sono gli starnuti, mentre per le donne risultano essere gli occhi lucidi e i bruciori. Oltre la metà delle donne (56,8 per cento) infatti, trova estremamente irritante il prurito oculare, contro il 42,7 per cento dei maschi. Per più di un uomo su due (57,5 per cento) invece, gli starnuti sono insopportabili contro il 49,6 per cento delle donne. Molto fastidioso per entrambi è risultato essere il gocciolamento nasale. Lo studio ha anche evidenziato che l’umore degli uomini colpiti dal fenomeno peggiora più facilmente rispetto a quello delle donne: un maschio su tre è di cattivo umore, contro una donna su quattro. In aggiunta, gli uomini accusano maggiori difficoltà a concentrarsi. Si ha anche meno spazio per mantenersi in forma: quasi il 12 per cento degli uomini rinuncia all’attività sportiva (contro il 2,4 per cento delle donne). Le donne invece, limitano all’essenziale i rapporti sociali, preferendo chiudersi in casa per non stare all’aria aperta.

Come si curano gli italiani con sintomi di allergie primaverili? Secondo la survey il rimedio più diffuso è costituito dai farmaci da banco, usati da una persona su tre. E spesso il farmacista e il medico di famiglia rappresentano un riferimento in tal senso: al riguardo sembra che gli uomini siano più propensi ad ascoltare i loro consigli rispetto alle donne. In tema di autocura è importante segnalare che è disponibile il nuovo portale sull’automedicazione www.semplicementesalute.it in cui si possono trovare informazioni sia sui farmaci da banco che sui piccoli disturbi realizzato da Assosalute-Federchimica in colaborazione con la Simg.

Articoli collegati