Tabagismo, intervento in 6 mosse per aiutare i pazienti a smettere

Un percorso su sei livelli per aiutare il paziente tabagista a smettere di fumare. L’iniziativa è dell’AIPO (Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri) ed è rivolta a medici, specialisti e generalisti, operatori sanitari. Nonostante l’ampia disponibilità di linee guida nazionali e internazionali per la cessazione del fumo, nella pratica clinica medici, infermieri, riabilitatori hanno spesso difficoltà  ad attuare un serio intervento sui pazienti tabagisti. Il nuovo strumento, accessibile dal sito internet 6elle.net è pensato per facilitare l’azione dei sanitari con una serie di strumenti operativi:

  • domande standardizzate;
  • criteri semplificati per la diagnosi e stadiazione del tabagismo;
  • linee d’indirizzo per la prescrizione dei farmaci per la disassuefazione da fumo;
  • uno strumento informatico per calcolare indici individuali di beneficio correlati alla cessazione del fumo;
  • opuscoli informativi e di auto-aiuto da consegnare al paziente;
  • un modello di lettera al medico curante per comunicare l’intervento antitabagico svolto sul paziente.

Ogni livello del percorso è supportato da materiale divulgativo-educazionale per fornire una guida informativa, motivazionale e comportamentale al paziente tabagista, e per facilitare e rinforzare l’intervento anti-fumo del medico.

I sei livelli del programma

1
chiedere
Chiedere sistematicamente lo stato di fumatore ad ogni contatto con un paziente.
2
registrare
Registrare lo stato di fumatore ad ogni contatto con un paziente, negli archivi sanitari e nella documentazione ufficiale cartacea che viene rilasciata al paziente.
3
misurare l’esposizione al fumo
Misurare il livello di esposizione al fumo di tabacco ad ogni contatto con un paziente fumatore, e registrare i dati negli archivi sanitari e nella documentazione ufficiale cartacea che viene rilasciata al paziente. Calcolare indici individuali di beneficio correlati.
4
diagnosticare e stadiare il tabagismo
Azione semplificata. Graduare il livello di dipendenza da nicotina al primo contatto col paziente fumatore.
Azione completa. Eseguire la diagnosi di tabagismo e graduare il livello di dipendenza da nicotina al primo contatto col paziente fumatore.
5
informare e promuovere la cessazione del fumo
Informare in modo personalizzato, ad ogni nuovo contatto, sui rischi causati dalla esposizione al fumo, sul livello di dipendenza da nicotina e sui benefici ottenibili con la cessazione del fumo. Promuovere, ad ogni nuovo contatto, un tentativo di cessazione definitiva del fumo, seguendo o meno un programma assistito concordato.
6
intervenire
Intervenire attivamente proponendo ad ogni paziente tabagista un programma medico-assistito di cessazione del fumo. Il medico si fa carico dell’assistenza del paziente nello svolgimento del programma

Sul sito si trova anche uno strumento informatico (“smetti e guadagna”) per calcolare, a partire da dati individuali (età, sesso, numero di sigarette), indici di beneficio correlati alla cessazione del fumo: guadagno in aspettativa di vita; riduzione del rischio di morire per importanti patologie fumo-correlate; risparmio economico per l’acquisto di sigarette. Lo strumento elabora un report semplice e personalizzato che può essere usato per motivare il paziente a impegnarsi nella cessazione del fumo.

Il percorso 6elle contiene anche una mappa dei Centri Antifumo in Italia e sarà periodicamente aggiornato sulla base delle nuove evidenze scientifiche sulla lotta al tabagismo.