La supplementazione di acido folico riduce il rischio di ictus negli ipertesi

Un nuovo studio cinese ha sperimentato una supplementazione di acido folico in aggiunta alla terapia con enalapril in un gruppo di pazienti ipertesi con una bassa conta piastrinica e alti livelli di omocisteina. Il risultato è stata una riduzione del rischio di ictus del 73% rispetto alla terapia con il solo enalapril.

In un precedente report pubblicato dal CSPPT (China Stroke Primary Prevention Trial), il trattamento con acido folico è risultato in grado di ridurre il rischio di  ictus del 21% in media negli adulti ipertesi, abbassando i livelli di omocisteina totale. È noto, infatti, che livelli elevati di omocisteina sono un fattore di rischio cardiovascolare. Questo studio, pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology è il primo che prende in considerazione l’associazione tra elevati livelli di omocisteina e bassa conta piastrinica  – due fattori che hanno un ruolo importante nello sviluppo delle malattie cardiovascolari – e il rischio di un primo ictus.

I ricercatori hanno selezionato dal CSPPT 10.789 partecipanti, uomini e donne di età compresa tra 45 e 75 anni, ipertesi o  in terapia anti-ipertensiva. Lo studio ha escluso i pazienti con una storia di ictus o altre importanti malattie cardiovascolari. I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a due gruppi. Nel primo gruppo, 5.408 pazienti hanno ricevuto una dose orale giornaliera combinata di 10 mg di enalapril e 0,8 mg di acido folico e nel secondo gruppo, 5.381 pazienti hanno ricevuto una dose giornaliera di solo enalapril.

In un follow-up medio di 4,2 anni si sono verificati in totale 371 casi di ictus. Di questi 210 casi si sono verificati nel gruppo trattato con il solo enalapril e 161 nel gruppo trattato anche con acido folico. Dunque, il rischio di un primo ictus in questa tipologia di pazienti, se trattati anche con una supplementazione di acido folico, è sceso dal 5,6% all’1,8%, con una riduzione del 73%. Tuttavia, l’acido folico non ha avuto alcun effetto nei soggetti con alto numero di piastrine e bassi livelli di omocisteina.

“La nostra analisi ha dimostrato che un basso numero basale di piastrine e l’elevata omocisteina possono aumentare congiuntamente il rischio di un primo ictus”, ha detto Yong Huo, direttore dell’Heart Center dell’Università di Pechino (Cina)  “Se i risultati saranno ulteriormente confermati da studi prospettici,  possiamo identificare pazienti ad alto rischio di sviluppare il primo ictus misurando sia piastrine che omocisteina, e possiamo ridurre notevolmente il rischio di ictus in questo sottogruppo di pazienti con l’acido folico – un trattamento semplice, sicuro e poco costoso. “

 

Related posts