Covid-19 e diabete, il rischio si abbassa con la glicemia sotto controllo

Il diabete di tipo 2 nei pazienti con Covid-19 è un fattore di rischio per una malattia più grave e con esiti peggiori, tuttavia un migliore controllo glicemico sembra essere associato a riduzioni significative degli esiti avversi e della mortalità.

Lo confermano i dati raccolti sul più ampio studio finora condotto su pazienti con diabete di tipo 2 ricoverati per Covid-19.

Lo studio cinese

Lo studio pubblicato su Cell Metabolism da Lihua Zhu e colleghi, del Renmin Hospital, Università di  Wuhan (Cina), ha arruolato 7.337 partecipanti con COVID-19 confermato, il 13% (952) dei quali aveva un diabete di tipo 2 preesistente. L’età media era di 62 anni per i pazienti con diabete e 53 anni per quelli senza diabete. Come è stato riportato più volte dall’inizio della pandemia, la presenza del diabete è associata a una prognosi peggiore di COVID-19.

I pazienti con diabete preesistente hanno ricevuto significativamente più antibiotici, antifungini, corticosteroidi sistemici, immunoglobuline, farmaci antiipertensivi e farmaci vasoattivi rispetto a quelli senza diabete. Avevano anche maggiori probabilità di ricevere inalazione di ossigeno (76,9% vs 61,2%), ventilazione non invasiva (10,2% vs 3,9%) e ventilazione invasiva (3,6% vs 0,7%).

Anche il rischio di morte era più alto rispetto ai soggetti non diabetici (HR 1,49, P = 0,005).

Con la glicemia sotto controllo esiti migliori

Nello studio cinese, tra i 952 pazienti con COVID-19 e diabete di tipo 2, 282 soggetti presentavano glicemia “ben controllata”, (compresa tra 3,9 e 10,0 mmol/L). Gli altri 528 avevano una glicemia “scarsamente controllata”, (valore massimo >10,0 mmol).

I soggetti nel gruppo con glicemia “ben controllata” avevano un uso inferiore di antivirali, antibiotici, antimicotici, corticosteroidi sistemici, immunoglobuline e farmaci vasoattivi rispetto ai diabetici con glicemia scarsamente controllata.

Inoltre avevano meno probabilità di richiedere inalazione di ossigeno (70,2% contro 83,5%), ventilazione non invasiva (4,6% contro 11,9%), ventilazione invasiva (0% contro 4,2%) e ossigenazione extracorporea della membrana (0% contro 0,8%).

Anche la mortalità era significativamente più bassa nel gruppo “ben controllato” (1,1% vs. 11,0%; rapporto di rischio grezzo, 0,09; P <.001). L’HR aggiustato per la sindrome da distress respiratorio acuto era 0,41 (P <0,001) e per lesioni cardiache acute era 0,21 (P = 0,003).

Probabilità cumulativa di mortalità per  COVID-19 (curva Kaplan-Meier)
in un follow-up di 28 giorni in una coorte di pazienti con diabete di tipo 2
con glicemia ben controllata (blu) o scarsamente controllata (arancione).
Lihua Zhu e coll., 2020, mod.

“Siamo rimasti sorpresi nel vedere risultati così favorevoli nel gruppo ben controllato della glicemia tra i pazienti con COVID-19 e diabete di tipo 2 preesistente – ha affermato uno degli autori dello studio – Considerando che le persone con diabete avevano un rischio molto più alto di morte e varie complicazioni e non ci sono farmaci specifici per COVID-19, i nostri risultati indicano che controllare bene la glicemia può agire come un efficace approccio complementare per migliorare la prognosi dei pazienti con COVID -19 e diabete preesistente “.

Ultimo aggiornamento il 18 Maggio 2020 di: Alessandro Visca

Alessandro Visca

Giornalista professionista specializzato in editoria medico­­­­-scientifica, editor, formatore.

Back To Top