Diabete, attenzione al digiuno prima di un esame di laboratorio

Recarsi a fare un esame di laboratorio a digiuno può essere rischioso per un paziente diabetico, se non viene adeguatamente informato sulla necessità di aggiustare i farmaci per l’ipoglicemia.

L’ipoglicemia causata dal digiuno richiesto prima di un esame di laboratorio, designata con l’acronimo FEEHD (Fasting-evoked en-route hypoglycaemia in diabetes) in uno studio pilota americano è risultata una forma importante e trascurata di rischio.

I ricercatori della Michigan State University di East Lansing (Michigan, Usa) hanno condotto un’indagine, tramite questionario, in due grandi comunità di pazienti diabetici dello stato americano.

La ricerca, presentata al congresso annuale dell’American Association of Clinical Endocrinologists (AACE), ha utilizzato un semplice questionario che chiedeva ai pazienti se avessero avuto episodi di ipoglicemia durante il digiuno prima di un esame di laboratorio, nell’ultimo anno.

I ricercatori, hanno ricevuto 429 risposte ai questionari. 245 pazienti (57.1%) hanno riferito almeno 1 episodio di ipoglicemia. Quasi tutti i pazienti (407 su 429) prendevano farmaci ipoglicemizzanti, vale a dire sulfaniluree e/o insulina, con o senza altri farmaci antidiabetici ed erano considerati a rischio di ipoglicemia. Di questi 47 pazienti (11,5%) ha riferito 1 o più episodi di FEEHD durante l’anno. “Le FEEHD – fanno notare Saleh Aldasouqi e coll, autori dello studio – rappresentano il 19% di tutte le crisi ipoglicemiche.”

Tuttavia solo 24 di questi pazienti (51%) ha riferito di aver contattato il medico a seguito di questo evento e solo 22 pazienti (46,8%) dicono di avere ricevuto istruzioni specifiche dal medico per evitare ipoglicemia causata dal digiuno pre-esame.

In conclusione, gli autori dello studio fanno notare che la crisi ipoglicemica dovuta al digiuno pre-esame sembra avere un’alta prevalenza ed è una forma particolarmente pericolosa se si considera che spesso i pazienti di recano a fare l’esame alla guida di un’automobile.

“Forse è giunto il momento – aggiunge Aldasouqi – di rivedere per i pazienti diabetici le linee guida Usa sul digiuno prima degli esami del sangue”.

 

Articoli collegati