ESMO 2017, c’è un legame tra ictus e cancro?

Ictus

In molti casi di ictus ci potrebbe essere un cancro sottostante. Lo dicono gli autori di uno studio osservazionale presentato al congresso annuale dell’European Society of Medical Oncology (ESMO 2017).

Rogado e coll. dell’Ospedale de La Princesa di Madrid (Spagna) hanno esaminato i dati clinici dei 914 pazienti ricoverati alla stroke unit dell’ospedale madrileno tra gennaio 2012 e dicembre 2014. Un totale di 381 pazienti hanno soddisfatto i criteri di inclusione nello studio e sono stati seguiti per 18 mesi dalla diagnosi ictus. Sono stati poi confrontati i dati demografici e clinici dei pazienti che hanno sviluppato un cancro con quelli dei pazienti che non lo hanno sviluppato.

Durante il follow-up di 18 mesi, a 29 (7,6%) dei sopravvissuti ad ictus è stato diagnosticato un cancro, più frequentemente del colon, del polmone e della prostata. Quest’ultimo ha fatto registrare un’incidenza superiore a quella della popolazione generale.

Il tempo medio dall’ictus alla diagnosi del cancro è stato di sei mesi. Quasi il 45% delle diagnosi del cancro si è verificata entro i primi sei mesi dopo una diagnosi di ictus. Quasi due terzi (62%) dei pazienti affetti da tumore presentavano malattia metastatica o localmente avanzata.
L’analisi multivariata ha rivelato che l’età più anziana (> 76 anni), una diagnosi precedente di cancro, livelli elevati di fibrinogeno (> 450 mg/dl) e bassi livelli di emoglobina (<13 g/dl) erano associati al cancro.

Secondo Rogado:

“L’incidenza di cancro nei sopravvissuti all’ictus era quasi il doppio della popolazione generale. Quando il cancro è stato diagnosticato era di solito in una fase avanzata, e la diagnosi è stata fatta entro sei mesi dopo un ictus. Ciò indica che il cancro era già presente quando si è verificato l’ictus, ma non c’erano sintomi “.

“È stato suggerito che il cancro è uno stato di ipercoagulazione in cui le cellule tumorali attivano il sistema di coagulazione”, ha aggiunto. “Questo potrebbe spiegare il fibrinogeno più elevato nei soggetti con diagnosi di cancro. Può darsi che l’effetto protrombotico del cancro abbia contribuito agli ictus “.

Rogado conclude che: “I sopravvissuti a un ictus dovrebbero considerati a rischio per lo sviluppo del cancro nei 18 mesi dopo la diagnosi di ictus. Ciò vale in particolare per i pazienti anziani che avevano precedentemente un tumore o che presentano un elevato fibrinogeno o bassi livelli di emoglobina “.

Secondo Fausto Roila, direttore dell’Oncologia medica all’Ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia:

“Il legame tra ictus e cancro è un tema interessante, che è stato precedentemente studiato. Questo nuovo studio ha una limitazione importante, cioè la mancanza di un gruppo di controllo. Inoltre, confrontando il numero dei casi di cancro dello studio (29) con quelli normalmente osservati in una popolazione generale (17 ), la differenza è solo di 12 pazienti e questo potrebbe essere dovuto a differenze di età tra i due gruppi. La popolazione generale include persone di tutte le età, mentre la popolazione dei pazienti con ictus è principalmente costituita da pazienti più anziani. Sono quindi necessari altri studi per poter affermare che ci sia un’associazione certa tra ictus e cancro”.