Protonterapia, le indicazioni per una terapia oncologica emergente

, Anoressia, la forma più diffusa riguarda malati acuti e cronici

L’Istituto Europeo di Oncologia di Milano annuncia un grande progetto per la costruzione di un nuovo centro specializzato per questa forma avanzata di radioterapia, in grado bombardare i tumori con maggiore potenza, senza toccare tessuti e organi circostanti. Una terapia oncologica, che si sta rapidamente affermando con l’apertura di nuovi centri in molti paesi, grazie ai buoni risultati ottenuti con tumori resistenti alla radioterapia tradizionale o collocati in posizioni delicate.

Il Professor Orecchia, direttore scientifico dello IEO, spiega le motivazioni alla base di questo importante investimento e indica le forme tumorali, previste dai prossimi LEA (Livelli Essenziali di Assistenza), per cui ci sono indicazioni all’impiego terapeutico dei protoni.

Ultima modifica:

Giornalista professionista specializzato in editoria medico-scientifica, editor, formatore.

    Articoli collegati