Le statine sono efficaci e sicure anche per gli anziani

, Ipertensione, buoni risultati con un sostituto del sale

, Ipertensione, buoni risultati con un sostituto del saleLe statine riducono il rischio cardiovascolare, senza aumento del rischio di mortalità per altre cause, anche nella popolazione anziana (>75 anni). È il risultato di una metanalisi, pubblicata su Lancet che ha considerato 28 trial randomizzati e controllati, con 186.854 pazienti, di cui 14.483 di età superiore ai 75 anni.

I risultati di questo studio dicono che, indipendentemente dall’età, le statine riducono il rischio di eventi vascolari maggiori di circa un quinto per 1 mmol/L di colesterolo LDL in meno. Per gli eventi coronarici maggiori la riduzione complessiva è di circa un quarto per 1 mmol/L di riduzione complessiva. La riduzione del rischio coronarico varia nelle diverse fasce d’età (circa il 30% per i soggetti <55 anni,  circa il 20% per i soggetti> 75 anni), mentre la riduzione del rischio relativo per l’ictus e per la rivascolarizzazione coronarica (stent coronarico o bypass) è simile in tutte le fasce d’età. Lo studio inoltre non mostra un aumento del rischio di mortalità per cause non cardiovascolari o di insorgenza di tumore in qualsiasi fascia di età.

I ricercatori hanno notato risultati  differenti in quattro studi condotti esclusivamente in pazienti con scompenso cardiaco o dialisi renale. Le statine non hanno dimostrato di essere efficaci in queste persone e non sono raccomandate per loro. Quando questi partecipanti sono stati esclusi, riduzioni simili del rischio sono state osservate in tutte le fasce di età, per i principali eventi CV e per la mortalità cardiovascolare. È stata mantenuta una riduzione leggermente inferiore del rischio di eventi coronarici maggiori con l’aumentare dell’età.

La ricerca ha anche esaminato gli effetti delle statine in soggetti senza malattie CV precedenti (prevenzione primaria) e in soggetti con una storia di malattia CV (prevenzione secondaria).  Nell’ambito della prevenzione secondaria, i ricercatori hanno riscontrato riduzioni proporzionali del rischio simili in tutte le fasce d’età, il che equivarrebbe a un maggiore beneficio assoluto nelle persone anziane. Nel setting di prevenzione primaria i risultati erano simili, ma poiché c’erano meno partecipanti anziani le conclusioni sono meno sicure. Più prove da studi randomizzati in persone anziane senza precedenti malattie CV saranno utili e gli studi sono in corso.

In un commento allo studio Bernard MY Cheung del Queen Mary Hospital dell’Università di Hong Kong afferma: “Anche se la riduzione del rischio nelle persone di età superiore ai 75 anni è inferiore al previsto, la terapia con statine può essere giustificata da un alto rischio cardiovascolare, che di solito è presente nelle persone anziane. Questa meta-analisi indica l’opportunità di ridurre il colesterolo LDL nelle persone a rischio di eventi cardiovascolari indipendentemente dall’età, a condizione che i benefici superino i rischi e il paziente accetti un trattamento a lungo termine. “

 

Ultima modifica:

Giornalista pubblicista, fotografo, webmaster.

    Articoli collegati