Lo scompenso cardiaco aumenta il rischio di cancro?

cuore scompenso cardiacoUno studio su oltre 200mila persone mostra che chi soffre di scompenso cardiaco ha una maggiore probabilità di sviluppare un tumore rispetto alle persone della stessa età senza scompenso. Si tratta di uno studio osservazionale che non può stabilire un rapporto di causa effetto tra la patologia cardiaca e quella oncologica, tuttavia i risultati invitano a porre più attenzione alla prevenzione oncologica per i pazienti con scompenso.

La ricerca, presentata al congresso Heart Failure 2021 e pubblicata su ESC Heart Failure, una rivista della Società Europea di Cardiologia, ha utilizzato il database Disease Analyser, che raccoglie i dati di 1,274 ambulatori di medicina generale in Germania.

Riscontrata un’incidenza di tumori più alta nella popolazione con scompenso cardiaco

Nell’analisi sono stati inclusi un totale di 100.124 pazienti con insufficienza cardiaca e lo stesso numero di persone senza insufficienza cardiaca. I partecipanti dei due gruppi sono stati appaiati individualmente per sesso, età, obesità, diabete e frequenza di consultazione del medico. Nessun partecipante aveva il cancro all’inizio dello studio.

Sono stati utilizzati modelli statistici per esaminare l’associazione tra insufficienza cardiaca e l’incidenza del cancro in 10 anni. L’età media della popolazione dello studio era di 72,6 anni e il 54% erano donne.

Durante il periodo di osservazione di 10 anni, l’incidenza del cancro è stata significativamente più alta tra i pazienti con insufficienza cardiaca (25,7%) rispetto a quelli senza insufficienza cardiaca (16,2%). Nelle donne, l’incidenza del cancro era del 28,6% nelle pazienti con insufficienza cardiaca e del 18,8% in quelle senza insufficienza cardiaca. Negli uomini i tassi corrispondenti erano del 23,2% e del 13,8%.

L’insufficienza cardiaca era significativamente associata all’incidenza del cancro, con un hazard ratio (HR) di 1,76 (rispettivamente 1,85 e 1,69 per le donne e gli uomini). Il maggior aumento del rischio è stato osservato per i tumori oro-faringei (HR 2,10) e dell’apparato respiratorio (HR 1,91).

Un’indicazione importante per gli screening oncologici

Secondo il primo autore dello studio, Mark Luedde della Christian-Albrechts-University of Kiel e  Cardiology Joint Practice di Bremerhaven (Germania):

È pratica comune monitorati per l’insufficienza cardiaca i pazienti oncologici che utilizzano farmaci potenzialmente dannosi per il cuore. Aumentano però le evidenze sul fatto che i pazienti con insufficienza cardiaca potrebbero trarre beneficio da controlli più accurati sul rischio di cancro, ad esempio attraverso lo screening. Considerando l’elevata incidenza di entrambe le malattie e il loro impatto sulla vita delle persone colpite, questi pazienti meritano il massimo sforzo congiunto di cardiologi e oncologi”.

Ultimo aggiornamento il 2 Luglio 2021 di: Alessandro Visca

Alessandro Visca

Giornalista professionista specializzato in editoria medico­­­­-scientifica, editor, formatore.

Back To Top