Sindrome coronarica acuta, evolocumab migliora la stabilità della placca

Amgen ha annunciato al congresso della Società europea di cardiologia (ESC 2021) i dati positivi dello studio di fase III HUYGENS che dimostrano come evolocumab in aggiunta alla terapia statinica ottimizzata aumenti in modo significativo le caratteristiche di stabilità della placca aterosclerotica nei pazienti con malattia arteriosa coronarica (CAD, coronary artery disease), rispetto alla sola terapia statinica. Giuseppe Musumeci, Direttore Cardiologia, Ospedale Mauriziano, Torino spiega:

(continua)

Questo contenuto è riservato agli utenti registrati, vi preghiamo di inserire nome utente e password.

Accesso per utenti iscritti
   

Alessandro Visca

Giornalista professionista specializzato in editoria medico­­­­-scientifica, editor, formatore.

Back To Top