Arresto cardiaco improvviso, nuovo studio europeo sulle differenze di genere

L’arresto cardiaco improvviso causato da fibrillazione ventricolare, se non trattato entro pochi minuti porta al decesso nella maggioranza dei casi. Il tasso di sopravvivenza è solo del 5-20%. Al recente congresso dell’European Heart Rhythm Association (EHRA) è stata annunciata la costituzione di una rete europea per esplorare la possibilità di differenziare tra uomini e donne […]

fibrillazione

Fibrillazione atriale, la depressione è un fattore di rischio

Pazienti con sintomi di depressione clinicamente rilevanti hanno un rischio maggiore di sviluppare disturbi del ritmo cardiaco come la fibrillazione atriale (FA), che aumenta anche il rischio di ictus. Il legame tra disturbi mentali e rischio di malattie cardiache, già emerso in altri studi, è confermato da una nuova ricerca presentata a un recente meeting […]

Diabete, proposta una nuova classificazione in cinque tipi

L’attuale classificazione del diabete distingue sostanzialmente tra la forma di tipo 1, a insorgenza prevalentemente giovanile e di origine autoimmune, dal diabete di tipo 2, caratterizzato da insulino resistenza che si manifesta in età adulta e diventa più frequente con l’avanzare dell’età. Tuttavia, il diabete tipo 2 comprende una serie di condizioni caratterizzate da quadri […]

Deficit dell’udito, i rischi della sordità non trattata

La perdita dell’udito negli anziani, secondo diverse ricerche, può avere un ruolo nell’isolamento sociale, depressione, disabilità, qualità della vita inferiore e rischio di demenza. Un nuovo studio, curato da ricercartori dell’Inserm di Bordeaux (Francia) e pubblicato sulla rivista Journal of Gerontology, ha valutato la relazione tra lo stato dell’udito e i quattro principali eventi avversi […]

BPCO, il manifesto di medici e pazienti per la gestione ottimale

Secondo gli ultimi dati ISTAT sono 3,5 milioni, gli italiani con una Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO), circa il 5,6% della popolazione adulta. L’incidenza della malattia, con l’invecchiamento della popolazione e il persistere dei principali fattori di rischio, fumo di sigaretta e inquinamento ambientale, è destinata a crescere, tanto che l’OMS prevede che entro il 2020 […]

Alzheimer, i disturbi del sonno possono essere un segno preclinico della malattia

Disturbi del ritmo circadiano, con sonnolenza durante il giorno e risvegli notturni, in persone con una memoria sana e nessun altro segno della malattia, potrebbero essere un sintomo precoce di Alzheimer. Lo rivela una ricerca pubblicata su JAMA Neurology. Diversi studi hanno indagato il legame tra Alzheimer e disturbi del ritmo sonno/veglia, ipotizzando che l’insonnia […]

Ipertensione, allattare al seno riduce il rischio per le donne dopo la menopausa

L’allattamento al seno ha effetti positivi non solo sul neonato, ma anche sulla salute della donna, soprattutto in termini di prevenzione delle malattie croniche. Diversi studi hanno evidenziato che le donne che non allattano o interrompono precocemente l’allattamento hanno un rischio maggiore di malattie come il diabete, dislipidemie, malattie cardiovascolari. Un nuovo studio, pubblicato sull’American […]