Sclerodermia, quanto conta il microbiota intestinale?

sclerodermia
Sclerodermia, quanto conta il microbiota intestinale? Per la prima volta uno studio presentato all’EULAR di Roma sembra indicare che i pazienti affetti da sclerodermia (nota anche come sclerosi sistemica) abbiano una composizione qualitativa e quantitativa della flora batterica intestinale peculiare e differente rispetto a quanto normalmente si riscontra nei soggetti sani. Il razionale di questo lavoro deriva dall’osservazione che i sintomi a carico del tratto

(continua)

Questo contenuto è riservato agli utenti registrati, vi preghiamo di inserire nome utente e password.

Login utenti registrati
   
Nuovo utente
*Indicare l'accettazione delle condizioni di servizio TOS
*Campo obbligatorio