Carcinoma mammario, trastuzumab riduce il rischio di recidiva

Trastuzumab emtansine di Roche riduce del 50% – rispetto a trastuzumab – il rischio di recidiva nelle pazienti con carcinoma mammario HER2-positivo in fase precoce con residuo patologico dopo trattamento neoadiuvante. Sono questi i risultati dello studio clinico di fase III KATHERINE, presentati al San Antonio Breast Cancer Symposium 2018 e pubblicati sul New England Journal of Medicine. “Lo studio KATHERINE, condotto a livello internazionale, ha arruolato 1486

(continua)

Questo contenuto è riservato agli utenti registrati, vi preghiamo di inserire nome utente e password.

Utenti collegati esistenti
   
Nuova Registrazione Utente
*Campo obbligatorio

Articoli collegati