ESC 2018, il colesterolo HDL in eccesso aumenta il rischio di infarto

Un eccesso di lipoproteine ad alta densità (HDL) può essere associato a un aumento del rischio di infarto miocardico e di morte. Lo dimostra una ricerca presentata al congresso della Società Europea di Cardiologia (ESC 2018), che si è concluso oggi a Monaco di Baviera.

Un dato che potrebbe indurre a riconsiderare la definizione di colesterolo “buono” generalmente attribuita al colesterolo HDL.

“Potrebbe essere il momento di cambiare il modo in cui vediamo il colesterolo HDL – afferma il primo autore della ricerca, Marc Allard-Ratick, della Emory University School of Medicine di Atlanta (USA) – Attualmente i medici dicono ai loro pazienti che più alto è il  colesterolo “buono”, meglio è. Tuttavia, i risultati di questo studio, insieme ad altri, suggeriscono che questo potrebbe non essere vero. ”

Lo studio ha preso in considerazione 5.965 pazienti, per la maggior parte cardiopatici, con un’età media di 63 anni e il 35%  di donne.

I partecipanti sono stati divisi in cinque gruppi in base al loro livello di colesterolo HDL:

  • <30 mg/dl (0,78 mmol/L)
  • 31-40 mg/dl (0,8-1 mmol /L)
  • 41-50 mg/dl (1,1-1,3 mmol /L)
  • 51-60 mg/dl (1,3-1,5 mmol /L)
  • >60 mg/dl (1,5 mmol /L).

Durante un follow-up medio di quattro anni, 769 (13%) partecipanti hanno avuto un infarto o sono morti per cause cardiovascolari. I partecipanti con colesterolo HDL 41-60 mg/dl avevano il più basso rischio di infarto o morte cardiovascolare. Il rischio è aumentato sia nei partecipanti con bassi livelli (<41 mg/dl) sia con livelli molto alti (>60 mg/dl) di colesterolo HDL.

Il rischio di attacco cardiaco o di morte per cause cardiovascolari in chi aveva HDL superiori a 60 mg/dl è risultato superiore del 50% rispetto al gruppo con livelli di colesterolo HDL 41-60 mg/dl.

Questo dato trova riscontro in altri studi di popolazione, che hanno evidenziato i rischi di un livello eccessivo di colesterolo HDL.  “I nostri risultati sono importanti – ribadisce Allard-Ratick – perché contribuiscono a un corpo sempre crescente di prove che livelli di colesterolo HDL molto elevati potrebbero non essere protettivi. Inoltre questo studio è stato condotto principalmente in pazienti con malattia cardiaca accertata. ”

In assenza di una spiegazione chiara sui meccanismi all’origine di questa associazione tra alti livelli di HDL e rischio di eventi cardiaci gli autori ipotizzano che il colesterolo HDL estremamente elevato possa diventare un “HDL disfunzionale” di proteggere dagli eventi cardiovascolari li favorisce.
“Una cosa è certa – conclude Allard-Ratick – il mantra del colesterolo HDL come “colesterolo buono” non dovrebbe più essere utilizzato per tutti i pazienti”.

 

Articoli collegati