Ictus, rischio ridotto se si cambia stile di vita anche a 50 anni

Smettere di fumare, fare esercizio fisico, adottare una dieta sana e controllare il peso. Queste regole di base possono abbassare rischio di avere un ictus, anche se uno stile di vita più sano comincia a cinquant’anni. Lo dimostra una nuova ricerca pubblicata su Stroke, una rivista dell’associazione dei cardiologi americani (American Heart Association).

Partendo dalla premessa che le donne hanno maggiori probabilità rispetto agli uomini di avere un ictus e che l’età media del primo ictus nelle donne è di 75 anni, i ricercatori hanno verificato se un cambiamento nello stile di vita nella mezza età può influenzare il rischio CV negli anni seguenti.

Lo studio

Utilizzando il grande database (Nurses’ Health Study), che include informazioni sulla salute di circa 60.000 donne che si sono iscritte all’età media di 52 anni e hanno continuato lo studio per una media di 26 anni, i ricercatori hanno studiato l’impatto sul rischio di ictus attribuibile alla cessazione del fumoa una perdita di peso costante e graduale se le donne erano in sovrappeso. Inoltre è stato verificato l’impatto di modifiche nella dieta quotidiana che privilegiano il consumo di maggiori quantità di pesce, noci, cereali integrali, frutta e verdura e meno carne rossa, niente carne lavorata e meno alcool.

I risultati

Dopo un follow-up di 26 anni, in sintesi è emerso che:
Il 4,7% delle donne senza interventi sullo stile di vita ha avuto un ictus; il 2,4% ha avuto ictus ischemico e lo 0,7% ha avuto ictus emorragico.
Per le donne che si sono impegnate nei tre interventi non dietetici – cessazione del fumo, esercizio quotidiano e perdita di peso – è stato stimato un rischio di ictus totale ridotoo del 25% e di ictus ischemico ridotta del 36%, mentre le modifiche dietetiche  riducono  il rischio di ictus totale del 23%.

“Abbiamo scoperto che il passaggio a uno stile di vita sano, anche sui 50 anni, ha ancora il potenziale per prevenire gli ictus”, hanno affermato Goodarz Danaei, autore principale dello studio e Bernard Lown, Associate Professor of Cardiovascular Health presso Harvard T.H. Chan School of Public Health di Boston. “Le donne che hanno apportato modifiche allo stile di vita nella mezza età hanno ridotto il rischio a lungo termine di ictus totale di quasi un quarto e ictus ischemico, il tipo più comune di ictus, di oltre un terzo”.

 

Ultimo aggiornamento il 14 Aprile 2020 di: Pierpaolo Benini

Alessandro Visca

Giornalista professionista specializzato in editoria medico­­­­-scientifica, editor, formatore.

Back To Top