Stress da Covid-19, un programma di supporto psicologico per medici e infermieri

L’Associazione EMDR Italia, con il sostegno di Boehringer Ingelheim Italia, ha organizzato un programma di supporto psicologico per il personale medico-sanitario esposto a livelli di stress altissimo durante l’emergenza sanitaria.

Il programma è stato studiato per la fase finale e post-emergenziale della pandemia. Secondo la normale evoluzione delle fasi dello stress, è noto che il bisogno di un supporto psicologico specialistico, è ancora maggiore nella fase post-traumatica, quando un soggetto è nelle condizioni di affrontare la propria sfera emotiva. Un supporto psicologico in questo momento, potrà, quindi, facilitare il loro recupero, il ripristino di una serenità lavorativa e della routine quotidiana. Il progetto si articola in diversi interventi, volti a sostenere il singolo, i gruppi o l’intera equipe di un reparto ospedaliero. Tutti gli interventi sono su base volontaria, aperti a chi avvertisse il desiderio o la necessità di farne ricorso.

Il primo consiste in un supporto individuale telefonico/video. Sono, poi, previsti incontri di “defusing” di gruppo, con l’obiettivo di aiutare gli operatori ad alleviare e gestire gli effetti dello stress e a “decomprimere” la tensione emotiva, elaborando i momenti più traumatici vissuti nell’ambito dell’emergenza Coronavirus. Durante gli incontri si individueranno sia le risorse individuali che quelle del gruppo. Infine, sono previste sedute individuali rivolte in particolare a medici, infermieri, operatori che hanno vissuto la quarantena, che sono stati positivi al virus, che hanno subito dei lutti, che hanno familiari malati, ecc.

Si prevede un periodo di due fasi 2 fasi del post-emergenza: da giugno a settembre e da ottobre a dicembre 2020.

Ultimo aggiornamento il 6 Luglio 2020 di: Alessandro Visca

Alessandro Visca

Giornalista professionista specializzato in editoria medico­­­­-scientifica, editor, formatore.

Back To Top