Sei troppo ansioso? Riequilibra la tua dieta

Cambiare le proprie abitudini alimentari a favore di una dieta più equilibrata, con o senza l’aiuto di probiotici, potrebbe essere un rimedio efficace contro i sintomi dell’ansia.

Lo dice uno studio pubblicato sulla rivista General Psychiatry di un gruppo di ricercatori cinesi dello Shanghai Mental Health Center, Università di Shanghai (Cina), che hanno compiuto una revisione sistematica degli articoli disponibili sui principali motori di ricerca medici a partire dal 25 luglio 2018.

Sono stati recuperati un totale di 3.334 articoli e sono stati inclusi 21 studi su 1.503 soggetti. Di questi 14 prevedevano interventi terapeutici con l’uso di probiotici per regolare il microbioma intestinale e 7 hanno scelto metodi di modificare la dieta quotidiana.

Entrambi gli approcci, con o senza probiotici, si sono rivelati efficaci per regolare il funzionamento della flora intestinale, con un tasso di successi del 36% negli studi con probiotici e dell’86% in quelli che prevedevano interventi sulla dieta.

Nel complesso più della metà degli studi ha mostrato che la regolazione della flora intestinale può effettivamente migliorare i sintomi dell’ansia. Gli interventi sulla dieta sembrano avere un’efficacia maggior rispetto a quelli con i probiotici, secondo gli autori della ricerca perché  il microbiota si costruisce principalmente con l’apporto di cibo e quindi cambiare la dieta è un intervento più condizionante, inoltre negli studi sono state impiegati diversi tipi di probiotici e non tutti possono avere avuto lo stesso successo, infine la maggior parte degli studi prevedeva un intervento di 4-8 settimane, che potrebbe essere un tempo troppo breve per aumentare significativamente il microbiota importato e regolare la flora intestinale.

Molti degli studi esaminati comprendevano individui ansiosi affetti da patologie croniche. Il 67% erano pazienti con IBS, il che indica che i sintomi dell’ansia sono comuni nelle malattie croniche correlate all’intestino. Il miglioramento dei sintomi di ansia in pazienti con IBS regolando la flora intestinale è un’ulteriore prova del meccanismo dell’asse cervello-intestino.

Va aggiunto che il 67% dei 6 studi su individui sani ha mostrato effetti positivi sui sintomi dell’ansia, questo potrebbe essere una prova evidente a sostegno dell’ipotesi che i sintomi dell’ansia possano essere alleviati modulando il microbiota intestinale.

Ultima modifica:

Giornalista professionista specializzato in editoria medico-scientifica, editor, formatore.

    Articoli collegati