Donne e prevenzione cardiovascolare, i sintomi da non trascurare

“L’ipertensione è chiamata ipertensione negli uomini, ma nelle donne viene spesso erroneamente etichettata come ‘stress’ o ‘sintomi della menopausa’”. E’ uno degli esempi, citato dalla cardiologa olandese Angela Maas, degli atteggiamenti medici da migliorare nell’approccio alla salute cardiovascolare della donna. Su questo tema Maas e colleghi hanno appena pubblicato sull’European Heart Journal un documento di consenso, realizzato con la partecipazione di cardiologi, ginecologi ed endocrinologi.

Cambiamenti ormonali e salute del cuore

Le donne subiscono importanti cambiamenti negli ormonali nel corso della loro vita, che possono avere un impatto sul rischio di malattie cardiovascolari – spiegano gli autori del documento – mentre i tradizionali fattori di rischio cardiovascolare dominano in età avanzata, ci sono alcuni fattori di rischio specifici per le donne giovani e di mezza età.

“I medici dovrebbero intensificare i controlli della pressione sanguigna nelle donne di mezza età. Fino al 50% delle donne sviluppa ipertensione prima dei 60 anni, ma i sintomi sono spesso attribuiti alla menopausa – spiega Maas, che dirige il Women’s Cardiac Health Program, del Radboud University Medical Center di Nijmegen (Paesi Bassi) – Dobbiamo valutare le pazienti di sesso femminile in modo diverso dagli uomini, e non solo chiedere informazioni sul colesterolo alto. Questo ci consentirà di classificare le donne di mezza età come ad alto o basso rischio di malattie cardiovascolari.”

Vanno anche considerate condizione specifiche, come gravidanza e menopausa, che influiscono sul rischio di sviluppare patologie negli anni successivi.

“L’ipertensione durante la gravidanza è un segnale di avvertimento che l’ipertensione può svilupparsi quando una donna entra in menopausa ed è associata a un maggior rischio di demenza decenni dopo. Se l’ipertensione non viene curata quando le donne hanno 40 o 50 anni, avranno problemi nei 70 anni quando l’ipertensione è più difficile da trattare “, chiarisce Maas.

La preeclampsia è associata a un aumento di quattro volte dell’incidenza di insufficienza cardiaca e dell’ipertensione e a un rischio raddoppiato di ictus. Le donne che hanno una menopausa naturale precoce (cioè non chirurgica) prima dei 40 anni hanno anche maggiori probabilità di sviluppare malattie cardiovascolari – ogni anno di anticipo è associato a un aumento del rischio del 3%. Inoltre, condizioni infiammatorie autoimmuni come l’artrite reumatoide e il lupus sono più comuni nelle donne rispetto agli uomini e aumentano il rischio cardiovascolare intorno alla menopausa.

Fonte: Angela H E M Maas e coll. European Heart Journal, 2021 mod.

I consigli per le donne transgender

Il documento fornisce anche consigli per le donne transgender (persone di sesso maschile alla nascita).

“Queste donne hanno bisogno di una terapia ormonale per il resto della loro vita e il rischio di coaguli di sangue aumenta nel tempo”, ha affermato il professor Maas.

Il documento afferma che le donne transgender “dovrebbero sempre essere incoraggiate a ridurre i rischi di stile di vita modificabili” pur riconoscendo che “i benefici psicosociali della terapia ormonale con una migliore immagine corporea possono portare a scelte di vita più sane”.

Ultimo aggiornamento il 2 Febbraio 2021 di: Pierpaolo Benini

Alessandro Visca

Giornalista professionista specializzato in editoria medico­­­­-scientifica, editor, formatore.

Back To Top