skip to Main Content
salute mentale supporto

L’impegno di Viatris a favore della salute e del benessere mentale

La salute mentale degli italiani è stata messa a dura prova negli ultimi due anni da una serie di eventi dirompenti, come la pandemia e la guerra in Ucraina, che hanno diffuso un senso di incertezza generale sul futuro. Durante il biennio caratterizzato dalla pandemia da SARS-CoV-2, infatti, l’incidenza dei disturbi della psiche, compresa la depressione, è cresciuta e il distanziamento sociale ha reso più difficoltoso l’accesso ai servizi di diagnosi e cura. Nel primo anno di pandemia le stime di nuovi casi di depressione ogni 100.000 abitanti hanno avuto un rialzo del 27,6% rispetto a quelle formulate pre-pandemia per l’anno 2020 (Lancet, 2021)[1]. Ad oggi si stima infatti che in Italia la depressione colpisca complessivamente 2,8 milioni di persone (Istat, 2018)[2].

Viatris è un’azienda globale che opera nell’ambito della salute, la cui mission è di consentire alle persone nel mondo di vivere una vita più sana in ogni sua fase. Anche alla luce del difficile contesto che stiamo vivendo, l’azienda sta sviluppando progettualità volte ad accrescere la consapevolezza sui temi legati alla salute mentale e ad abbattere lo stigma, lavorando in stretta collaborazione con istituzioni e partner autorevoli.

Guidata dalla volontà di comprendere in modo più approfondito la situazione attuale, Viatris ha supportato dei progetti orientati a conoscere l’impatto della pandemia su alcune specifiche popolazioni di pazienti.

Per questo l’azienda ha portato avanti un’indagine, in collaborazione con Carenity, comunità digitale che supporta pazienti e caregiver, Eurocarers e La Compagnie des Aidants (due gruppi di advocacy che danno voce alle preoccupazioni dei caregiver informali), per misurare l’impatto di Covid-19 sull’accesso all’assistenza sanitaria e sulla qualità della vita dei pazienti affetti da malattie croniche non trasmissibili (NCD). Dall’indagine è emerso che durante il 2020 i pazienti hanno riscontrato difficoltà nel mantenere il rapporto con i loro operatori sanitari di riferimento e, rispetto alla loro salute mentale, hanno riferito che il lockdown ha portato a un aumento dei sintomi di isolamento, ansia e depressione e all’adozione di abitudini meno sane.

Viatris si è, inoltre, focalizzata su ansia e depressione, collaborando con i diversi interlocutori per creare consapevolezza sulla salute mentale e indagare l’impatto che la pandemia ha prodotto. Da qui nasce il supporto dato a Serendipity – Osservare e scoprire la nuova realtà tra pandemia e sindemia, un’indagine condotta tra novembre 2021 e febbraio 2022 su oltre 1.000 clinici per comprendere gli effetti a lungo termine di problemi legati ad ansia e depressione a seguito della pandemia e delineare lo scenario futuro per identificare le soluzioni da mettere in campo per supportare il SSN. I risultati mostrano che l’81,2% degli specialisti intervistati ha visto aumentare il disagio psichico tra le persone che hanno chiesto supporto, con un peggioramento delle proprie condizioni nel 75,3% di quelli che avevano un disturbo preesistente.

L’analisi del fenomeno in corso porta alla consapevolezza di quanto sia importante attivare iniziative ad hoc che offrano un supporto alle persone che stanno vivendo un momento di difficoltà, e in tal senso sono fondamentali le occasioni di sensibilizzazione, come la Giornata Mondiale sulla Salute Mentale, che accendono i riflettori su questi temi.

Proprio in questa occasione, Viatris ha supportato il progetto LIBERAMENTE – Insieme per la salute mentale, iniziativa della Società Italiana di NeuroPsicoFarmacologia (SINPF). Presso l’info point di LIBERAMENTE, presente per due giorni in Piazza San Cosimato a Roma e in Piazza Castello a Milano, è stato possibile dialogare gratuitamente con uno specialista e sottoporsi ad un breve questionario, con la possibilità, per chi manifestasse ansia o sintomi depressivi, di poter approfondire la propria condizione grazie a un incontro gratuito presso le strutture ospedaliere coinvolte nell’iniziativa. Spesso manca infatti la percezione soggettiva del disagio psichico e, talvolta, la paura dello stigma di malattia mentale rappresenta una barriera al consulto specialistico, ritardando la presa in carico del paziente, che di frequente evita di affrontare in modo adeguato il suo disagio. Per questo è fondamentale mantenere alta l’attenzione su questi argomenti e collaborare a stretto contatto con istituzioni, associazioni e altri partner, per aumentare la consapevolezza e abbattere i pregiudizi su questi temi.

Viatris è inoltre impegnata a contribuire al raggiungimento degli Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite, tra i quali l’obiettivo 3, dedicato a “Salute e benessere per tutti, a tutte le età”. Nell’ambito di questo Goal è presente il sotto-obiettivo 3.4 che ha la finalità dichiarata di ridurre la mortalità prematura legata alle NCD nel 2030 del 33% rispetto ai livelli del 2015 attraverso strategie di prevenzione e trattamento e la promozione della salute mentale e del benessere. In linea con questo impegno, Viatris da due anni ricopre il ruolo di tutor dell’evento dedicato all’obiettivo n.3 all’interno del Festival dello Sviluppo Sostenibile organizzato da ASviS, l’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile. L’evento nel 2022 si è tenuto in concomitanza con la giornata mondiale dedicata alla sensibilizzazione sulla salute mentale e si è focalizzato su “Incertezza del futuro, distopie nel presente: la salute mentale dei nostri giovani”: secondo gli esperti è importante lavorare con una visione d’insieme per costruire politiche di promozione della salute e del benessere psico-fisico dei giovani, in particolare degli adolescenti, partendo dalla diffusione di una maggiore consapevolezza sulla questione e supportando progetti e iniziative per affrontarla.

Viatris crede fermamente nell’urgenza di focalizzarsi su un approccio alla salute che ponga il paziente al centro – chiaramente messo a rischio durante la pandemia di COVID-19 – e renda protagonisti i pazienti affetti da NCD. Per ridurre il peso delle malattie croniche non trasmissibili, Viatris si impegna a favorire l’accesso ad un ampio portafoglio di prodotti e a sostenere approcci di cura olistici e integrati per aiutare i pazienti e gli operatori attraverso la propria esperienza e competenze sviluppate nelle diverse aree terapeutiche, tra cui l’area del sistema nervoso centrale e della salute mentale.

Riferimenti bibliografici

  1. Santomauro DF, Mantilla Herrera AM, Shadid J, Zheng P, Ashbaugh C, Pigott DM, et al. Global prevalence and burden of depressive and anxiety disorders in 204 countries and territories in 2020 due to the COVID-19 pandemic. Lancet, 2021.
  2.  La salute mentale nelle varie fasi della vita. Istat, 2018.

Ultima revisione: 18 Gennaio 2023 – Pierpaolo Benini

Alessandro Visca

Giornalista professionista specializzato in editoria medico­­­­-scientifica, editor, formatore.