Scompenso cardiaco, una campagna per non trascurare la malattia

Lo scompenso cardiaco colpisce quasi un milione di italiani causando circa 190 mila ricoveri all’anno. La malattia, oltre a compromettere la qualità di vita, mette i pazienti in una condizione di alto rischio (1 paziente su 4 muore entro 1 anno dalla diagnosi). Tuttavia spesso il paziente non ha un’informazione adeguata sulla malattia e sulle terapie da seguire e dopo un primo ricovero, passato l’episodio acuto, tende a trascurare la propria condizione.

Da queste premesse nasce la campagna di informazione “I love life” sostenuta da Novartis, con il patrocinio di AISC, Associazione Italiana Scompensati Cardiaci.

Per l’occasione è stato creato il personaggio Cino, un cuore stilizzato che accompagnerà tutte le iniziative in programma nel corso dell’anno.

L’iniziativa prevede i “Cino Days”, una serie di incontri a cui parteciperanno medici specialisti, pazienti, caregiver. La visibilità del messaggio di “I love life” è affidata anche alla realizzazione di tre opere d’arte sul tema “scompenso cardiaco – I LOVE LIFE”, create dagli street artist Elena Magenta (Milano), Daniele Tozzi (Roma) e dal duo Rosk e Loste (Palermo).

Inoltre sono previsti tre eventi di sensibilizzazione rivolti al pubblico che si svolgeranno nelle piazze di grandi città italiane. Il primo è previsto a Torino, sabato 12 maggio in Piazza San Carlo dalle 11.00 alle 13.30. Per l’occasione un gruppo di percussionisti coinvolgerà i passanti suonando al ritmo del battito del cuore:

Seguiranno gli eventi a Napoli il 16 giugno e a Verona il 29 settembre, in occasione della Giornata Mondiale del Cuore.

Per  pubblicizzare la campagna è gli eventi è stata creata una pagina facebook , dove è possibile trovare informazioni sulla patologia, condividere esperienze e seguire le iniziative relative alla campagna.

 

Articoli collegati