Le mandorle potrebbero rinforzare la risposta del cuore allo stress

Mandorle noci e nocciole fanno parte degli alimenti della dieta raccomandata per il sistema cardiovascolare, per gli effetti positivi in termini di riduzione del colesterolo e protezione della funzionalità dei vasi sanguigni.

Una nuova ricerca condotta nel Regno Unito ha valutato gli effetti di questo alimento su un parametro specifico: la variabilità della frequenza cardiaca (heart rate variability HRV). La variazione di frequenza cardiaca in risposta a situazioni di stress ambientale o psicologico può essere considerata  un indicatore della salute del cuore. Un HRV più elevato rappresenta una maggiore adattabilità del cuore, mentre un basso HRV può indicare una perdita di funzionalità.

I ricercatori inglesi del King’s College di Londra hanno confrontato, in uno studio randomizzato, due gruppi di persone con rischio cardiovascolare superiore alla media. Per un periodo di 6 settimane un gruppo ha consumato uno spuntino giornaliero di mandorle, l’altro uno snack di controllo, con lo stesso contenuto calorico, equivalenti al 20% del fabbisogno energetico giornaliero stimato di ogni partecipante.

Lo studio è stato finanziato dall’Almond Board of California, associazione no profit promossa dai coltivatori americani.

Lo studio

I ricercatori hanno misurato la frequenza cardiaca (HR) dei partecipanti e la variabilità della frequenza cardiaca (HRV) a riposo e durante un test che simulava un breve periodo di stress mentale.

Nelle fasi di stress mentale acuto, i partecipanti del gruppo che aveva assunto lo snack con le mandorle hanno mostrato una migliore regolazione della frequenza cardiaca rispetto al gruppo di controllo.

“Questo studio – spiega Wendy Hall, reader in Nutritional Sciences presso il King’s College di Londra – mostra che la semplice strategia dietetica di consumare mandorle al posto di un classico snack può rafforzare la capacità di resistenza agli effetti cardiovascolari avversi dello stress mentale, migliorando la regolazione della frequenza cardiaca. È utile avere un HRV più elevato in quanto il cuore è in grado di cambiare marcia più velocemente in risposta alle esigenze del corpo, il che significa maggiore resilienza cardiaca e flessibilità durante i periodi di stress. A lungo termine, questo è benefico per la salute cardiovascolare .”

 

Ultimo aggiornamento il 7 Settembre 2020 di: Alessandro Visca

Alessandro Visca

Giornalista professionista specializzato in editoria medico­­­­-scientifica, editor, formatore.

Back To Top